immagine per sito MAG (4)

Il prossimo appuntamento con Cinemagazzini, previsto per il 24 aprile 2019, è dedicato a Luigi Ghirri con due docu-film in proiezione:

• L’ infinito mondo di Luigi Ghirri, di Antonjo Dipa:
Un breve racconto sulla vita e l’opera di Luigi Ghirri
&
• Deserto rosa, di Elisabetta Sgarbi:
L’ultimo sogno del fotografo Luigi Ghirri – purtroppo non realizzato – consisteva nell’acquisto di un casolare nella campagna di Roncocesi per creare quella che amava definire una “casa delle stagioni”. Progettava di allestirvi mostre fotografiche legate alla stagione corrente per creare un legame inscindibile tra il tempo dell’arte e lo scorrere ciclico delle stagioni.
La macchina da presa di Elisabetta Sgarbi, accompagnata dalle parole di alcuni tra i maggiori scrittori mondiali, indugia sulle foto scattate da Ghirri e sul suo modo personale di intendere il trascorrere del tempo.

Doppia proiezione:
h19:00 e h21:00

Contributo richiesto ai soci 2019: 3€
Per maggiori informazioni e prenotazioni:
admin@magazzinifotografici.it

immagine per sito MAG (4)

Il prossimo ospite delle nostre Domeniche d’Autore è Calogero russo con le presentazione della sua nuovissima fanzine Arca Russa, prevista per domenica 28 aprile alle 11:30.

A 100 anni dalla Rivoluzione d’Ottobre e a circa 25 anni da il crollo dell’Unione sovietica , il progetto a lungo termine Arca Russa rappresenta un viaggio nello spirito russo e nell’atmosfera che aleggia ancora oggi in tutti gli Stati che un tempo furono legati all’Urss. Finito nel 2017 il progetto fotografico , diventato oggi un’ opera monografica a metà strada fra la fanzine e un libro fotografico. Il viaggio inizia nella Germania dell’ Est, la ex DRr e continua passando dalla Russia e poi si il Moldavia, Transinistria, Polonia, Repubbliche Baltiche ed ex Jugoslavia Insomma il versante europeo del patto di Varsavia. L ultimo paese visitato è la Macedonia quel piccolo stato all interno della Jugoslavia inventato a tavolino da Stalin e Tito alla fine della II guerra mondiale.

Il titolo della Zine è un omaggio al film di Alexander Sukorov. Così come la voce fuoricampo e un diplomatico francese guidano lo spettatore all interno delle varie epoche della storia russa, in altrettante stanze del museo dell ’Hermitage, così attraverso le immagini che invito a guardare, come un unico piano sequenza, tralasciando le didascalie, io vi porto in un’unica atmosfera che a dispetto della storia contemporanea rende tutti questi Stati ancora , dal punto di vista visivo, un’ unica entità.

Calogero Russo è un fotografo documentarista indipendente, nato a Palermo e attualmente stabilitosi a Milano.
Il suo principale progetto fotografico è dedicato all’Europa orientale, con un focus particolare sui paesi di lingua slava e sui rapporti tra l’ex Unione Sovietica e i suoi stati satelliti in Europa.
Nel 2014 ha pubblicato la fanzine “Ostalgie” e nel 2019 la fanzine Arca Russa.

L’evento è GRATUITO per i soci 2019
Per maggiori informazioni: eventi@magazzinifotografici.it

immagine per sito MAG (4)

Il nostro viaggio alla scoperta delle foto più iconiche di sempre è arrivato alla sua terza tappa.
All’interno di questo primo capitolo dedicato alla guerra non poteva certo mancare l’importantissimo scatto di Eddie Adams, Saigon Execution.
La foto, scattata il primo febbraio 1968, fissa l’istante nel quale il generale della polizia di Saigon Nguyen Ngoc Loan uccide un sospetto vietcong per strada, nel Vietnam del Sud.

Vincitrice di numerosi premi, tra cui il Premio Pulitzer per la fotografia 1969 e il World Press Photo of the Year 1969, l’immagine è entrata a far parte delle foto più significative della storia.
Ne parliamo insieme il 18 aprile 2019 alle 19:00.

Prossimi appuntamenti con Behind the Icons:
Quarto incontro: 30 maggio h19:00
Nick Ut “Napalm girl, 1972”

Quinto incontro: 20 giugno h19:00
Neil Leifer “Muhammad Alì VS Sonny Liston, 1965”

La partecipazione è GRATUITA per i soci 2019.
Per info e prenotazioni: eventi@magazzinifotografici.it

Dopo aver appreso la triste notizia della scomparsa della grandissima Agnès Varda, abbiamo deciso di replicare la proiezione a lei dedicata.

Il 10 aprile alle 19:00 vi aspettiamo per la replica straordinaria del docufilm Visages Villages di Agnès Varda e JR:
• Agnès Varda e JR attraversano la Francia da Nord a Sud per
conoscere storie di gente comune, fermandosi solo in luoghi ai
margini del turismo di massa: lo sguardo della regista e quello
del giovane artista, due generazioni a confronto, si incontrano nel
tentativo di cogliere per mezzo della fotografia tutta l’eccezionalità
della vita quotidiana.

Per l’occasione sarà presente la Professoressa Anna Masecchia, docente di cinema, fotografia e televisione dell’ Università di Napoli, esperta di Agnès Varda.

Unica proiezione: h19:00
Contributo richiesto ai soci 2019: 3€

A seguire vi ricordiamo alle 20:30 l’appuntamento con la rassegna dedicata alla cine-fotografia della Nouvelle Vague – Cinemagazzini&filmOff con in proiezione il film di Jean-Luc Godard Une femme est une femme. Proiezione gratuita per i soci 2019.

Per maggiori informazioni e prenotazioni:
admin@magazzinifotografici.it

immagine per sito MAG

Il 5 giugno alle 20:30 ritorna la nostra rassegna dedicata alla cine-fotografia della Nouvelle Vague, realizzata in partnership con filmOff.

Per l’ultimo appuntamento della stagione il film in proiezione è:
• Questa è la mia vita (Vivre sa vie)
un film del 1962 diretto da Jean-Luc Godard.

TRAMA:
Da commessa Nanà diventa prostituta: ha cominciato occasionalmente per bisogno urgente di denaro,
poi è rimasta definitivamente sul marciapiede. Tenta di liberarsi del suo protettore, che non è affatto d’accordo.
Jean-Luc Godard, partendo da un’inchiesta giornalistica utilizza una suddivisione decisamente poco convenzionale, di stampo brechtiano, in 12 quadri, con episodi non legati fra loro e preannunciati da una didascalia, omaggio al cinema muto – così
come la citazione de La passione di Giovanna d’Arco di Dreyer.

Alla ricerca di quel “definitivo per caso” che Godard individuava nell’immediato, il film si avvale di frequenti piani-sequenza, della presa diretta del suono, di sequenze montate a blocchi, dell’introduzione di brani letti dagli attori che accentuano l’effetto di straniamento, e di una molteplicità di registri, che anticipa molti temi del cinema godardiano successivo.

La partecipazione è GRATUITA per i soci 2019.
Per info e prenotazioni: admin@magazzinifotografici.it

E ritorna anche il nostro Apèritif français, un gustoso aperitivo ispirato alla tradizione d’oltralpe con baguette, camembert, omelette e un buon calice di vino.

immagine per sito MAG (4)

Il 10 aprile alle 20:30 ritorna la nostra rassegna dedicata alla cine-fotografia della Nouvelle Vague, realizzata in partnership con filmOff.

Il film in proiezione è: Une femme est une femme
• La donna è donna –
di Jean-Luc Godard
un film di genere commedia del 1961 con Anna Karina, Jean-Claude Brialy, Jean-Paul Belmondo

Francia, 1961 – 78 minuti

TRAMA:
Parigi. Angéla, spogliarellista del X arrondissement, vorrebbe avere un figlio, ma il marito Émile non ne vuole sentir parlare. I due discutono spesso, senza arrivare a una soluzione. Allora, la ragazza minaccia Émile di fare l’amore con il primo che passa. Émile accetta la provocazione e tenta di coinvolgere l’amico Alfred.

Concepito e girato quasi come un documentario sulla bellezza dell’attrice danese Anna Karina, che Jean-Luc Godard ha da poco sposato, il film è la rielaborazione di un soggetto che il regista stesso aveva pubblicato sui Cahiers du cinéma, a sua volta derivato da un’idea di Geneviève Cluny.
Per la realizzazione del film, Godard in un primo tempo pensa a Brigitte Bardot nel ruolo di Angela, poi prende in considerazione altre attrici (Marina Vlady, Marie Dubuis, Joan Collins, Sylvie Vartan per decidere infine a favore della moglie quando lei fa un provino per interpretare un film di Michel Deville.

L’identificazione attrice/protagonista è favorita dal fatto che Anna Karina scopre di aspettare un bambino da Godard proprio durante le riprese del film, per cui alcune battute di dialogo appaiono come ripetizioni sul set di scene domestiche già vissute in famiglia.
In questo omaggio al Musical hollywoodiano, Godard impiega il cinemascope e il colore in una funzione che solo apparentemente entra in contrasto con lo stile della Nouvelle Vague, giovane e a basso costo.

La proiezione è GRATUITA per i soci 2019

Vi ricordiamo che alle 19:30 replicheremo, in memoria della fotografa recentemente scomparsa Agnès Varda, la proiezione di Visages Villages ed inoltre in occasione della doppia proiezione di film francesi, abbiamo pensato ad un gustoso aperitivo a tema. Rievochiamo l’atmosfera parigina con baguette, camembert, omelette e buon calice di vino.

Per info e prenotazioni:
admin@magazzinifotografici.it – +39 3381971084
filmoff.filmoff@gmail.com

immagine per sito MAG (3)

L’appuntamento del 27 marzo con #Cinemagazzini è dedicato alla fotografa belga Agnès Varda, con due docu-film in programmazione:

Une minute pour une image di Agnès Varda
Breve documentario sulla carriera della fotografa, regista e sceneggiatrice.
Ad ogni immagine è dedicato un minuto del documentario, un sintetico approfondimento sullo sguardo e sulle scelte fotografiche dell’autrice.
&
Visage Village di Agnès Varda e Jr
Agnès Varda e JR attraversano la Francia da Nord a Sud per
conoscere storie di gente comune, fermandosi solo in luoghi ai
margini del turismo di massa: lo sguardo della regista e quello
del giovane artista, due generazioni a confronto, si incontrano nel
tentativo di cogliere per mezzo della fotografia tutta l’eccezionalità
della vita quotidiana.

Doppia proiezione:
h19:00 e h21:00

Contributo richiesto ai soci 2019: 3€
Per maggiori informazioni e prenotazioni:
admin@magazzinifotografici.it

immagine per sito MAG

L’8 marzo alle 19:00 ritorna il nostro evento dedicato alla celebrazione della donna: Who knows what’s going on in the ladies parlour! Chapter II.

Una grande mostra collettiva con 7 diversi progetti di altrettante talentuose autrici.
7 lavori molto diversi tra loro per esplorare e conoscere più da vicino il rigoglioso mondo della fotografia femminile.
Un salotto dove curiosare e sbirciare, per scoprire le personali esperienze e le interessanti visioni di sette giovani donne e fotografe.

Le autrici in mostra saranno:
Chiara Bruni Photography con il progetto “Mannequins”
Eleonora Cerri Pecorella con il progetto “Morti a galla”
Martina Di Carlo con il progetto “Hiroshima Mon Amour”
Barbara Fiorillo con il progetto con “Metamorfosi”
Haraidon Giulia Photography con il progetto “Linia”
Claudia Elle Luongo con il progetto “Souvenir”
Chiara Francesca Rizzuti con il progetto “Non avevamo null’altro da fare”

I lavori saranno in mostra a partire dall’8 marzo fino al 28 aprile 2019.
Durante la stessa serata sarà inaugurata anche la mostra della dodicesima edizione di #spazioFOTOcopia a tema WOMAN.

DJ set: Miz Kiara

Il nostro evento dedicato alla donna si unisce alla grande iniziativa organizzata da GENA – Gender Equality NApoli, un appuntamento unico, ideato e organizzato da donne, per dar voce al sentire femminile libero e originale.
Magazzini Fotografici farà parte delle location scelte per l’evento, entrando così in una travolgente staffetta di 12 ore di musica, arte e fotografia non stop, che si chiuderà in bellezza con il grande party celebrativo GENA #1 MYSS KETA al The Square, con la proiezione delle foto delle due mostre in allestimento.

Vi ricordiamo che Magazzini Fotografici è una Associazione di Promozione Sociale con obbligo legale di tesseramento.
La tessera ha un costo di 25€ con validità fino al 31 dicembre 2019.
Qui maggiori informazioni sui tesseramenti.

immagine sito
Dopo il successo della puntata zero con ospite Angelo Ferrillo, ritorna il format, ideato da Raffaele Monaco, Photo Sugo e Tonno un convivium nel quale gli autori ospiti raccontano le proprie esperienze nel settore fotografico cucinando per i nostri soci una ricetta pensata ad hoc per l’evento.
 
Ospiti del prossimo appuntamento Chiara Arturo e Cristina Cusani, grandi amiche di Magazzini Fotografici.
 
Chiara Arturo:
La sua ricerca fotografica è incentrata sull’elemento acqua e l’insularità, sulla percezione del paesaggio e degli spazi, sull’archiviazione del ricordo, sul modo in cui percezione e archiviazione influiscono sulla costruzione dell’immaginario; partendo da un’indagine introspettiva, con metodo cartografico, si focalizza sulle geografie del pensiero, le tracce, il viaggio, la visione, le ferite. Lavora per accumulo e per molti anni sullo stesso tema: scava nel paesaggio come scava in se stessa, allo stesso modo e per lo stesso motivo. Esplorando temi e condizioni della vita come il transito e la sosta, la grandiosità dei paesaggi materiali e la loro fragilità, analizza poeticamente ciò che la circonda.

Cristina Cusani:
Nella sua indagine fotografica utilizza le esperienze quotidiane come punto di partenza per analizzare il significato dell’essere umano partendo da un’analisi personale che si traduce nell’espressione di temi universali. Nelle sue opere la finzione e la realtà s’incontrano, i significati cambiano, il passato e il presente diventano una cosa sola. Utilizzando un linguaggio poetico e talvolta metaforico, realizza fotografie che sono leggibili su più livelli e portano lo spettatore ad interrogarsi, creando in chi guarda una reazione in equilibrio tra il riconoscimento e l’alienazione.

 
Il prezzo del pranzo è di €15 per i soci 2019.
Il costo comprende un primo piatto e il vino che, a seconda della ricetta, sarà o un Nero d’Avola (azienda vinicola tre Venezie) o un Pinot bianco (azienda vinicola tre Venezie).
 
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Per info e prenotazioni eventi@magazzinifotografici.it
immagine per sito MAG (3)

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle storie dietro le immagini.

Il 21 marzo alle 11:30 si terrà il secondo appuntamento con il nuovo format Behind the icons, la serie di incontri tenuti da Roberta Fuorvia che svelano il dietro le quinte delle fotografie che hanno fatto la storia.
La prossima immagine iconica è:
An american Sailor George Mendonsa kisses Greta Zimmer Friedman in Times Square in 1945” di Alfred Eisenstaedt. Il racconto delle curiosità e dei retroscena dietro uno dei baci più famosi della storia della fotografia.

Gli appuntamenti successivi:
– TERZO INCONTRO
Eddie Adams “Saigon execution, 1968”

– QUARTO INCONTRO
Nick Ut “Napalm girl, 1972”

– QUINTO INCONTRO
Neil Leifer “Muhammad Alì VS Sonny Liston, 1965”

La partecipazione è GRATUITA per i soci 2019.
Per info e prenotazioni: eventi@magazzinifotografici.it