immagine per sito MAG

5 luglio – 31 dicembre 2021
Centro Commerciale Jambo

Diego Armando Maradona
Il riscatto di una città attraverso lo sport

una mostra di Sergio Siano
a cura di Yvonne De Rosa

Magazzini Fotografici ha preso parte, con la curatela dell’ art director Yvonne De Rosa  ad un grande tributo al Dio del calcio, con la mostra degli scatti di Sergio Siano “Diego Armando Maradona: il riscatto sociale attraverso lo sport”.

Dal 5 luglio al 31 dicembre 2021 la mostra sarà visitabile presso il Centro Commerciale Jambo1, di Trentola Ducenta, un bene confiscato alla camorra che ogni anno propone iniziative culturali che hanno l’obiettivo di riportare arte e bellezza in questi spazi.

Sarà il ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, lunedì 5 luglio alle ore 11:00, ad inaugurare la mostra. Una presenza importante e simbolica quella del responsabile del Viminale, chiamata a tagliare il nastro in una struttura confiscata alla criminalità organizzata.

Dopo l’inaugurazione, alle 14:00, si svolgerà una tavola rotonda dal tema “Il riscatto sociale attraverso lo sport”, moderata da Marino Bartoletti. Interverranno: Salvatore Scarpa, (amministratore Jambo1), Yvonne De Rosa (curatrice), Sergio Siano (fotografo), il prefetto Bruno Frattasi (capo di gabinetto Ministero degli Interni) ed Enzo D’Errico (direttore Corriere del Mezzogiorno). In collegamento ci saranno Edy Reja (ct Albania) e Walter Mazzarri (ex allenatore Ssc Napoli). Tra gli invitati anche il presidente della Ssc Napoli, Aurelio De Laurentiis. Inoltre, saranno ospiti dell’evento: Diego Armando Maradona Junior, Giuseppe Bruscolotti (capitano storico Ssc Napoli), Oscar Nicolaus (fondatore Te Diegum), oltre a personalità del mondo del giornalismo, dell’imprenditoria e dello sport.

“Mi sono avvicinata a questo lavoro – dichiara Yvonne De Rosa, curatrice della mostra – con l’obiettivo di raccogliere e creare una vera e propria sintesi di ciò che è oggi documento storico di quel tempo. Ho inoltre cercato di lavorare soprattutto al recupero di immagini che parlassero dell’identità collettiva di un popolo e di un avvenimento che ha interessato un’intera società, andando ben oltre i confini dalla mera realtà calcistica”.

L’esposizione, che durerà fino al 31 dicembre, con ingresso gratuito, celebrerà e ripercorrerà la brillante carriera del fuoriclasse sudamericano ma anche il tormentato vissuto del Dio del calcio, simbolo e icona del popolo napoletano e della sua Argentina.

La mostra, organizzata ed ideata da una collaborazione tra l’Aps Magazzini Fotografici di Yvonne De Rosa e il Centro Commerciale Jambo 1, guidato dal dottor Salvatore Scarpa, racconta la storia di Diego Armando Maradona attraverso gli scatti di Sergio Siano, fotoreporter a bordo campo, nei migliori anni del Pibe de oro.

Saranno 134 le fotografie esposte, molte delle quali inedite, che narrano il percorso del fuoriclasse argentino, dalle imprese sul manto verde alla celebrazione dei tifosi per le sue gesta.

La mostra, inoltre, è anche un’occasione per raccogliere fondi a favore dei più bisognosi. Infatti sarà in vendita un libro dedicato alla rassegna, il cui ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza.

“La mostra fotografica dedicata a Maradona – sottolinea l’amministratore del Jambo1, dottor Salvatore Scarpa – conferma il leitmotiv che da sempre accompagna questa amministrazione nella gestione del centro commerciale: la voglia di riscatto, la stessa che anima gli abitanti di questo territorio, troppe volte martoriato e malamente etichettato. Gli abitanti di questi territori meritano come e più di altri, una nuova esperienza umana, una nuova visione delle cose, meritano che vengano offerte nuove possibilità culturali, nuovi orizzonti che cambino in loro la prospettive del futuro”.

 

IMG-20210613-WA0015

Link alla diretta Zoom: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_O-28HcXeRymPDnzFwiIhfA

Ottava puntata per Show&Tell: il 17 giugno alle 18:30 siamo in diretta Facebook e Zoom con Simona Filippini, Chiara Capodici, Silvana Bonfili con un intervento dal titolo: “IL FASCINO PER IL PICCOLO FORMATO. Tra sintesi narrativa ed intimità emotive”.

“Lavorare con la polaroid significa provare ad afferrare lo scorrere di un fiume, fermarlo per vederlo subito emergere, a volte quasi come pura astrazione, in una visione ampia che respira avvicinando l’antico, il monumentale, il contemporaneo e i dettagli che fanno la vita quotidiana, il familiare e quanto ancora sembra sconosciuto.” Chiara Capodici

CONOSCIAMO LE NOSTRE OSPITI:

Silvana Bonfili
Curatrice storica dell’arte con particolare attenzione per la fotografia, dal 1980 è stata responsabile di settori storico artistici nei maggiori musei della Sovrintendenza Capitolina di Roma (Museo di Roma, Gam galleria d’arte moderna e contemporanea, MACRO, Museo e Archivio della Scuola Romana). Dal 2012 al 2020, è stata responsabile del Museo di Roma in Trastevere, per il quale ha selezionato , ideato, organizzato e curato scientificamente oltre cento progetti tra esposizioni, convegni, incontri didattici e specialistici, presentazioni di libri, di fotografia e arte visuale e linguaggi contemporanei ( Lee Jeffries. Homless, 2013,Gabriele Stabile ,Refugee Hotel, 2014, Paola Binante, Generazioni, pluralità del femminile,2014, Lisetta Carmi, La bellezza della verità, 2018-2019, Taccuini romani. Vedute di Diego Angeli e visioni di Simona Filippini, 2019-2020, Chiamala Roma, fotografie di Sandro Becchetti 1968-2013, 2021).
Ha partecipato e partecipa quale membro di giuria o commissione di bandi e premi artistici e fotografici . Dall’ottobre 2020 continua, da curatrice indipendente, il lavoro di progettazione e curatela di eventi espositivi, culturali ed editoriali di arte del Novecento e contemporanea e di fotografia.

Chiara Capodici
Si occupa di fotografia dal 2005, dedicandosi soprattutto alla progettazione di mostre e ai libri fotografici.
Dopo un’esperienza nell’ambito della produzione e della comunicazione all’interno di Zoneattive, è stata assistente alla direzione artistica di Fotografia- festival internazionale di Roma dal 2006-2008. Dal 2009 al 2016, come parte del duo 3/3 – studio di progettazione fotografica, ha incentrato il proprio lavoro sulla produzione e curatela di libri fotografici e la realizzazione di mostre e workshop in Italia e all’estero, con una particolare attenzione al mondo dell’editoria. A gennaio 2017 ha aperto Leporello, una libreria dedicata all’editoria fotografica, come base e punto di connessione con libri di grafica, architettura, illustrazione e saggistica; uno spazio espositivo e un luogo di progettazione dedicato ai libri e alle immagini, che si occupa di promuovere e diffondere un approccio multidisciplinare e trasversale alla cultura visiva.

Simona Filippini
Laureata al Dams con una tesi in Storia e critica della Fotografia, diplomata presso l’istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata di Roma nel 1988 ed è l’assistente di Paolo Roversi a Parigi dal 1989 al 1991.
Collabora assiduamente con numerose aziende nazionali e internazionali, pubblica testi e fotografie su Sette del Corriere della Sera, Venerdì di Repubblica, L’Unità, Le Città Nuove, DWF, Nouvel Observateur, tra i magazine più importanti.
Nel 2008 fonda l’associazione CAMERA 21- fotografia contemporanea.
Cura il progetto DI LEI, donne globali raccontano, nel quale 10 donne immigrate raccontano fotograficamente il quotidiano delle famiglie italiane presso le quali lavorano, ne cura la mostra a Palazzo Valentini a Roma e il catalogo ed. Iacobelli (2009).
Il progetto è stato esposto in numerose città italiane ed estere.
Idea il progetto partecipato Femminile, plurale, dove 72 donne di ogni età fotografano la parte di corpo che preferiscono di sé, ne cura la mostra e il catalogo ed. Iacobelli (2010).
Idea il progetto partecipato BOX21, ritratti in piazza, realizzato in numerosi festival sul territorio nazionale.
È regista e co-regista dei cortometraggi Italiani per Costituzione e 25, 2013. A Scuola anch’io, 2018. 42 gradi Nord/12 gradi Est, 2019
Collabora con numerosi istituti scolastici pubblici e privati presso i quali cura seminari e laboratori di educazione all’immagine.
Dal 2016 è docente di fotografia presso Officine Fotografiche Roma, dove cura i corsi dedicati ai bambini e agli adolescenti.

La diretta sarà trasmessa sulla pagina facebook di Magazzini Fotografici e su Zoom a questo link: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_O-28HcXeRymPDnzFwiIhfA

Per maggiori informazioni:
magazzinifotografici@gmail.com

immagine per sito MAG

Webinar gratuito per i soci 2021: Come concepire e realizzare un’esposizione a cura di Simone Azzoni

Nuovo webinar gratuito per i soci 2021 di Magazzini Fotografici: il 15 marzo alle 18:30 siamo in diretta Zoom con Simone Azzoni, docente, curatore e critico d’arte, con un seminario online dal titolo Come concepire e realizzare un’esposizione.
Il webinar intende fornire ad artisti e fotografi una piccola, utile, cassetta degli attrezzi: qualche strumento in più per essere in grado di costruire temi, punti di vista per spettatori consapevoli e curatori attivi.

La sapienza e la consapevolezza operativa nasce dall’analisi di modelli espositivi esistenti. Un’esposizione dovrebbe intrattenere, informare, raccontare storie, costruire argomenti, educare e soprattutto trasformare l’inaccessibile e lo sconosciuto in accessibile e familiare.

Oggi più che mai l’opera si realizza nell’incontro con lo spettatore che ha il compito di cercarla per trovare il senso del proprio presente. Un allestimento deve fare dell’opera innesco per rileggere la realtà.
Costruire un percorso espositivo significa quindi scegliere, prendere la propria posizione, ricordare e accettare un senso non definitivo ma aperto alla complessità.

Ecco il programma e le tematiche trattate:

  • Dalla wundercamera al White Cube: una teoria dell’esposizione.
  • Lo spazio critico: l’opera aperta e lo spettatore interattivo
  • L’uso della trasparenza e della narrazione nella costruzione del percorso espositivo.
  • L’esposizione come viaggio.
  • L’allestimento: un dialogo tra artista, identità dello spazio, territorio e comunicazione
  • Allestimento in spazi convenzionali, allestimento in spazi non convenzionali.
  • La mediazione: i laboratori di didattica

SimoneBN

Simone Azzoni è docente di Lettere, Forme e linguaggi dell’arte presso lo IUSVE, Lettura critica dell’immagine presso l’Istituto di Design Palladio e storia della grafica al Master di Editoria Università di Verona.

Collabora come critico d’arte e teatrale per riviste e quotidiani nazionali e locali. È autore di saggi di ermeneutica sulle contaminazioni tra i linguaggi, copioni teatrali e cataloghi di artisti. Ha allestito e curato numerose mostre in spazi tradizionali e non convenzionali.
Creatore e co-curatore del festival Grenze-Arsenali Fotografici.

Il webinar è a partecipazione gratuita per i soci 2021 di Magazzini Fotografici.
Prenotazione obbligatoria ai seguenti contatti:
+39 328 76 66 584
magazzinifotografici@gmail.com

Qui tutti i dettagli per procedere alla sottoscrizione della tessera associativa 2021: http://www.magazzinifotografici.it/campagnatesseramenti2021/

Per maggiori informazioni:
+39 328 76 66 584
magazzinifotografici@gmail.com

Nuova Copertina Evento di Facebook

Evento rimandato al 10 marzo – h18:30 |

Link alla diretta Zoom: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_aMXxQ6eESGCBItY-tDlkqA

Settimana puntata per Show&Tell: il 10 marzo alle 18:30 siamo in diretta Facebook e Zoom con Eduardo Castaldo e parliamo di “Fotografia e politica: dal fotogiornalismo alla street art”: una riflessione sulle scelte che hanno condotto il fotoreporter verso una nuova dimensione artistica.

Dopo anni passati in Medio Oriente come fotoreporter, Castaldo ha scelto di tornare a Napoli, abbandonando l’enorme archivio degli anni passati tra Palestina ed Egitto. Solo anni dopo quelle immagini rivedranno la luce per nuovi progetti di street-art. Castaldo diventa così “edie”, lo street artist, ed inizia a raccontare il suo punto di vista sullo scenario politico e sociale contemporaneo, sulla mura della città. Tutto inizia con la prima installazione a Port’Alba (Napoli), un’amara riflessione sulla rivoluzione egiziana addomesticata dal regime, e prosegue con altre affissioni.

Ne parliamo insieme il 10 marzo alle 18:30 in diretta Facebook e Zoom.

002355447-a2f2e1cd-14df-4807-b279-52a24c00c147CONOSCIAMO IL NOSTRO OSPITE:

Napoletano, Classe 1977, dal 2007 al 2014 ha lavorato come fotogiornalista Free-Lance dal Medio Oriente  per le maggiori testate internazionali.
Fra i suoi clienti editoriali: TIME Magazine, Newsweek, LeMonde, Internazionale, GEO France, l’Express, Stern, GQFrance, TheGuardian, LEMONDEmagazine, DerSpiegel, L’Espresso, IoDonna, Il Venerdì e molti altri.
Per il suo lavoro sulla rivoluzione Egiziana ha ricevuto numerosissimi riconoscimenti internazionali fra cui il World Press Photo 2012 e due Pictures of the Year International nel 2012 e 2013.
È stato fotografo di scena per alcuni fra i maggiori registi cinematografici Italiani, fra cui Matteo Garrone, Saverio Costanzo, Alice Rohrwacher, Sergio Rubini.
I suoi lavori fotografici sono stati esposti in decine e decine di località al mondo, con mostre personali a Gerusalemme, Ramallah, Roma, Napoli, Amman, Perugia, Il Cairo fra gli altri.
Ha firmato le immagini di copertina per diversi libri di narrativa e saggistica, fra cui, nel 2018, spiccano quelle in diversi paesi del bestseller internazionale di Elena Ferrante, “L’amica Geniale”.
Dal 2016, con lo pseudonimo di “edie” realizza interventi di street art, sviluppando e trasformando i suoi lavori fotografici in relazione con il contesto urbano; questi lavori, che in larga parte affrontano temi politici legati alle questioni mediorientali, gli hanno permesso di acquisire una ampia visibilità in Egitto e nei paesi arabi, dove queste  opere sono state visualizzate e condivise in maniera virale.
Ad Aprile 2018, con una di queste rielaborazioni, è stato premiato a Londra con il prestigioso SONY WORLD PHOTOGRAPHY AWARD 2018.
Nel Luglio 2019 ha realizzato una sua personale al Museo MADRE di Napoli coniugando i suoi lavori fotografici sul set de L’amica Geniale con installazioni di Street Art nel Rione Luzzatti; ancora per il Museo MADRE, nel 2020 ha lavorato ad un progetto multimediale legato alla pandemia nella città di Napoli, tuttora in fase di sviluppo.
È attualmente impegnato nella realizzazione delle foto di scena e della sigla della terza stagione de L’amica Geniale.

 

La diretta sarà trasmessa sulla pagina facebook di Magazzini Fotografici e su Zoom a questo link: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_aMXxQ6eESGCBItY-tDlkqA

 

Per maggiori informazioni:
328 76 66 584
magazzinifotografici@gmail.com

 

immagine per sito MAG

Diretta Zoom: https://us02web.zoom.us/…/reg…/WN_kT0ygjdTQsyfdez28Hog1Q

Sesto appuntamento per il nostro format di talk online a tema fotografico: il 3 febbraio alle 18:30 siamo in diretta Facebook con Luca Santese e Marco P. Valli per parlare de “Il corpo del capitano: il potere politico e la sua rappresentazione”. Parliamo di comunicazione della propaganda politica e dell’uso dell’immagine nella rappresentazione del potere.

Il corpo del capitano è il nuovo libro edito da Cesura Publish con gli scatti di Luca Santese e Marco P. Valli, ispirato alle tecniche di propaganda e all’attività politica salviniana.

Nel 2018 i due fotografi hanno documentato in chiave critico-satirica la nascita della cosiddetta Terza Repubblica. Dopo la fine del primo governo Conte, le loro ricerche si sono concentrate sul leader politico della Lega e sulle sue tecniche di propaganda fortemente innovative: Salvini fotografa costantemente sè stesso, la sua vita quotidiana e il suo corpo, per presentarsi come un uomo del ‘popolo’. Con milioni di persone che lo seguono viene chiamato dai suoi seguaci “il capitano” e raggiunge il suo pubblico direttamente attraverso i social media.
Le scelte narrative di Santese e Valli non si limitano a documentare in modo veritiero e ironico le diverse prospettive della propaganda di Salvini ma sono orientate a trasformare questo lavoro in una contro-propaganda, proponendo in un racconto immaginario una risposta definitiva alla narrativa faziosa de “il capitano”.
_

Show&Tell è un incontro virtuale, pensato per ritrovarci insieme a chiacchierare di fotografia in totale sicurezza, con nuovi ospiti ad ogni appuntamento, per favorire la condivisione di idee, progetti e spunti interessanti che possano contribuire alla crescita di tutti.
Ad ogni Show&Tell introdurremo un nuovo argomento, cui potrete attivamente contribuire scrivendo nei commenti le vostre osservazioni e domande.
CONOSCIAMO I NOSTRI OSPITI:
Luca Santese (1985) é un artista italiano, nato e cresciuto a Milano. Ha studiato all’Istituto Statale d’Arte di Monza e all’Accademia di Belle Arti di Brera. Durante gli anni dell’accademia ha iniziato a lavorare nel laboratorio di stampa di Alex Majoli e nel 2008 ha fondato con Arianna Arcara, Luca Baioni, Gabriele Micalizzi, Andy Rocchelli e Alessandro Sala il gruppo Cesura.
Nel 2009 è stato selezionato da Photolucida Critical Mass come nuovo talento. Nel 2010 è stato sele-zionato dal premio World Press Photo con il progetto Detroit 2009-2010 e nello stesso anno ha espo-sto per la priva volta il progetto Found Photos in Detroit al Le Bal Space di Parigi a cui sono seguite le esposizioni al Kulturhuset di Stoccolma, alle OGR di Torino e al MoCP di Chicago. Nel 2011 ha pubblicato – con Arianna Arcara – il libro Found Photos in Detroit che ha collezionato sette nomina-tion come miglior libro fotografico dell’anno e recentemente selezionato da Martin Parr e Garry Bad-ger per la collana: Photobook: A History Vol III, che raccoglie i migliori 200 libri fotografici dopo la seconda guerra mondiale. Il lavoro di Luca è stato pubblicato ed esposto in Europa, Russia e Stati Uniti.
Marco P. Valli (1989) è un fotografo italiano, residente a Milano.
Dopo la laurea nel 2009 presso l’Istituto d’arte di Monza ha iniziato ad avvicinarsi alla fotografia e nel 2010 ha frequentato l’Accademia d’arte di Brera, prima di specializzarsi nel 2011 presso il CFP Bauer, una scuola di fotografia di Milano.
Nel marzo dello stesso anno ha iniziato uno stage presso CESURA. Dopo questo periodo entra a far parte del gruppo come fotografo e collaboratore interno.
Marco ha fatto parte di CESURA fino a gennaio 2016, producendo progetti personali e collettivi. Nel novembre del 2017, dopo alcuni anni di ricerche sul tema della sessualità, ha realizzato il suo primo libro con Anna Adamo e pubblicato da Cesura Publish: Bakeca, una ricerca fotografica sull’esibizioni-smo come forma di espressione sessuale.
Le opere di Marco sono state pubblicate da riviste nazionali e internazionali come Time Magazine, Vogue, L’Espresso, Internazionale, Vanity Fair, Vice, Il Corriere della Sera, La Stampa e Il Sole 24h.
Attualmente sta ancora producendo progetti individuali, concentrando il suo lavoro principalmente sulla fotografia documentaria e ricerca nel settore artistico.
Dal 2018, insieme a Luca Santese, ha sviluppato il progetto Realpolitik.
Cesura è un gruppo indipendente di fotografi fondato nel 2008 che produce progetti fotografici che vanno dal reportage alla fotografia documentaria. L’idea centrale del collettivo è quella di creare un gruppo forte e capace di produrre qualità e ricerca in ambito artistico e fotografico.
Appuntamento online il 3 febbraio 2021 alle 18:30.
La diretta sarà trasmessa sulla pagina facebook di Magazzini Fotografici e su Zoom.
Per maggiori informazioni:
328 76 66 584
magazzinifotografici@gmail.com

Copertina Fb_Show&Tell_IreneAlison

Diretta Zoom: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_m3J_q13GS_WrB3t_odBx3A

Riparte anche nel 2021 il nostro format di talk online sui principali temi della fotografia. Per il quinto appuntamento abbiamo il piacere di ospitare Irene Alison, giornalista e photo-consultant, che introdurrà un dibattito dal titolo “La messa in contesto delle immagini: dalla pagina al display”.

Come cambia il significato e la lettura di un immagine a seconda del contesto di ricezione? La destinazione di un progetto fotografico ne modifica leggibilità e significato? Ne parliamo il 13 gennaio 2021, alle 18:30, in diretta Facebook e Zoom in compagnia di Irene Alison.
Show&Tell è un incontro virtuale, pensato per ritrovarci insieme a chiacchierare di fotografia in totale sicurezza, con nuovi ospiti ad ogni appuntamento, per favorire la condivisione di idee, progetti e spunti interessanti che possano contribuire alla crescita di tutti. Ad ogni Show&Tell introdurremo un nuovo argomento, cui potrete attivamente contribuire scrivendo nei commenti le vostre osservazioni e domande.

CONOSCIAMO LA NOSTRA OSPITE:
Irene Alison – Giornalista professionista e photo-consultant, Irene Alison è direttore creativo dello studio di progettazione fotografica DER*LAB, un team multidisciplinare che offre strumenti curatoriali a supporto della produzione fotografica, sviluppando progetti editoriali o espositivi per singoli o su committenza di istituzioni e aziende. Come redattrice, ha lavorato per il Manifesto e per D, La Repubblica delle Donne. Da freelance ha realizzato, insieme ai fotografi, reportage apparsi su Geo France, The Independent, l’Espresso, D, XL, Marie Claire e Riders. I suoi articoli di critica fotografica sono stati pubblicati da testate come La Lettura de Il Corriere della Sera, Il Sole 24 ore e Pagina99. Collabora come tutor e consulente con alcune delle maggiori scuole di fotografia italiane (IED, Isfci, Rufa, Scuola Romana di Fotografia a Roma e Fondazione Studio Marangoni a Firenze, tra le altre) e come curatore e giurato con i più prestigiosi festival e premi italiani e
internazionali. Scrive per il teatro (il suo primo testo, Leni, Il Trionfo della bellezza, ha debuttato al Napoli Teatro Festival 2018) e ha pubblicato due saggi di approfondimento fotografico, My generation (Postcart, 2012) e iRevolution (Postcart, 2014). Nel 2019 ha fondato Zazie Dogzine, fanzine digitale di cultura, visioni e diritti animali. Il suo nuovo libro, Muse col muso, storie d’amore tra fotografi contemporanei e le loro muse animali, uscirà per Postcart nel 2021.
www.dollseyereflex.org www.zaziedogzine.it

Appuntamento online il 13 gennaio 2021 alle 18:30.
Questo il link per partecipare alla diretta Zoom: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_m3J_q13GS_WrB3t_odBx3A

La diretta sarà trasmessa anche sulla pagina facebook di Magazzini Fotografici.

Per maggiori informazioni:
328 76 66 584 magazzinifotografici@gmail.com

Screenshot_20201219_133056

Diretta Zoom: https://us02web.zoom.us/j/82328810554

Lunedì 21 dicembre alle h19:00 siamo molto felici di ospitare in diretta Zoom e Facebook Vera Maone, fotografa ed affezionata amica di Magazzini Fotografici, per la presentazione del suo ultimo libro “Viaggio in Brasile,1993” edito da Intra Moenia.
Prenderanno parte alla presentazione Yvonne De Rosa, Antonio Biasiucci e Franco Lancio, curatore della grafica del libro.

“Viaggio in Brasile,1993” raccoglie una selezione di foto scattate circa trent’anni fa, che hanno ancora una persistente attualità. Si tratta di immagini di vita reale, colte dal vivo in luoghi fuori dai grandi flussi turistici: in una grande fazenda nello stato di San Paolo al tempo del taglio della canna da zucchero, in alcuni villaggi contadini nei pressi della città di Ribeirão Preto, in una favela a San Paolo, in una miniera di topazio nello stato di Minas Gerais.
Nel volume sono presenti numerosi ritratti di bambini e bambine, i cui volti e sguardi sono rimasti con forza impressi nella memoria dell’autrice.
Nella sequenza delle foto è stato usato un criterio libero, sulla traccia dei ricordi e delle suggestioni visive.

Conosciamo l’autrice:
Vera Maone (Napoli, 1936) ha cominciato ad occuparsi di
fotografia alla fine degli anni ’80, realizzando servizi fotografici e reportages, partecipando a qualche mostra e collaborando con alcune testate giornalistiche nazionali e
locali. Dalla metà degli anni ’90 al 2008 è stata la responsabile del progetto “I Lunedì della fotografia” promosso dall’Associazione “Laboratorio Città Nuova” per la diffusione della fotografia d’autore e la valorizzazione della fotografia napoletana. Nel 2010 ha curato la mostra collettiva “La Napoli di Maurizio”, in occasione del centenario della nascita di Maurizio Valenzi, sindaco di Napoli dal
1975 al 1983.

Sue pubblicazioni:
• Bagnoli
lo smantellamento dell’Italsider
testi di
Rossana Rossanda e Fabrizia Ramondino
Mazzottafotografia
Milano 2000

• Terre
stampa in proprio
Napoli 2007

• 99 scatti
prefazione di Simo Capecchi
Intra Moenia edizioni
Napoli 2011

• Saline testi di Nino De Vita e Silvio Perrella
Intra Moenia edizioni
Napoli 2012

• Madri Figlie
Intra Moenia edizioni
Napoli 2014

• Coppie
Intra Moenia edizioni
Napoli 2016

• Dell’amicizia
Intra Moenia edizioni
Napoli 2017

• Trilogia degli affetti
Intra Moenia edizioni
Napoli 2017

• Viaggio in Brasile, 1993
Intra Moenia edizioni
Napoli 2020

Appuntamento per il 21 dicembre alle h19:00
Ecco il link per partecipare alla diretta Zoom:
https://us02web.zoom.us/j/82328810554

Per maggiori informazioni:
admin@magazzinifotografici.it
+39 338 197 1084

fotografia magazzini fotografici yogurt magazine linguaggio fotografico

Diretta Zoom:  https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_34-qhYdeT-O49WF2CiCzsg

Quarta puntata per Show&Tell #fotoassembramenti, il nuovo format online di Magazzini Fotografici. Un incontro virtuale per ritrovarci insieme a chiacchierare di fotografia in totale sicurezza, con nuovi ospiti ad ogni appuntamento, per favorire la condivisione di idee, progetti e spunti interessanti che possano contribuire alla crescita di tutti.
Ad ogni Show&Tell introdurremo un nuovo argomento, cui potrete attivamente contribuire scrivendo nei commenti le vostre osservazioni e domande.

Il 25 novembre, alle 18:30, siamo in diretta Facebook e Zoom in compagnia di Francesco Rombaldi e Luigi Cecconi, rispettivamente Curatore-Direttore e vice Direttore di Yogurt.
Nel corso del loro intervento, dal titolo “La mappatura dei nuovi linguaggi nella fotografia contemporanea” ci soffermeremo su temi di forte rilevanza come la necessità della ricerca e l’importanza della creazione di una filiera culturale, ed introdurremo il progetto Yogurt.

Nato nel 2015 come magazine online dedicato alle arti visive, Yogurt è caratterizzato da una ricerca incessante su quelli che sono i fermenti, i campi d’indagine, le tendenze estetiche e narrative e i territori di confine della fotografia contemporanea. Yogurt è in breve tempo diventato di più largo respiro.

Oggi si sviluppa attraverso una rivista web e cartacea, una casa editrice, e l’organizzazione di corsi dai quali, attraverso la collana The Lab, escono volumi progettati e prodotti da redazioni temporanee composte da autori emergenti.
Nel 2019 ha aperto a Roma la Paper Room, libreria specializzata in photobook e libri sul design editoriale.
Yogurtmagazine.com

Appuntamento online il 25 novembre alle 18:30.
Questo il link per partecipare alla diretta Zoom:
 https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_34-qhYdeT-O49WF2CiCzsg

La diretta sarà trasmessa anche sulla pagina facebook di Magazzini Fotografici.

Conosciamo i nostri ospiti:

Francesco Rombaldi (Reggio Emilia 26.03.1981)
Dopo un percorso formativo in Comunicazione Pubblicitaria e Design, inizia a collaborare con diverse agenzie di comunicazione, in qualità di Art Director.
Nel 2007 fonda e dirige la rivista indipendente Track Magazine dedicata alla scrittura creativa, alla fotografia e alla graphic novel.
Si dedica completamente alla fotografia nel 2010 ed entra a far parte del collettivo 001 di Roma dove collabora alla creazione della Fanzine 001 e a numerose mostre ed eventi tangenti al mondo
delle arti visive. Nello stesso periodo si dedica alla fotografia commerciale lavorando su campagne
nazionali e internazionali.
Nel 2016 crea Yogurt Magazine di cui è Editor-in-Chief e Curatore.
Cura inoltre le produzioni della casa editrice di Yogurt ed è Art Director della Yogurt Creative Agency: agenzia creativa che si occupa di design editoriale e comunicazione.
Dal 2019 è il Co-Fondatore con Luigi Cecconi della Paper Room a Roma, bookshop focalizzato sulla fotografia indipendente e il design editoriale.

Luigi Cecconi (Roma, 1979)
Dopo il diploma tecnico ha frequentato il Master triennale alla Scuola Romana di Fotografia dal 2008-2011. Racconta temi sociali, con taglio intimistico concettuale, svincolato da uno stile determinato, spazia tra tecniche digitali ed analogiche, predilige progetti a lungo termine.
Socio fondatore dell’Associazione 001 dal 2011 al 2018. L’associazione è stata attiva nel campo dell’editoria e della formazione coinvolgendo docenti e fotografi come Massimo Mastrorillo, Federico Clavarino, Ricardo Cases, Discipula, Arianna Arcara, Luca Santese, Annalisa D’Angelo, Alvaro Deprit. Ha inoltre organizzato mostre con autori di livello  internazionale come Laia Abril, Max Pinckers, Zhao Qian, Andy Rocchelli.
Nel 2016 inizia a collaborare con Yogurt Magazine come Contributor per poi diventare con il passare del tempo Deputy Editor & Researcher, contribuisce attivamente nelle realizzazioni editoriali di Yogurt Editions.
Ha affiancato Francesco Rombaldi in tutti i Lab Di YM partiti nel 2018.
Dal 2019 è il Co-Fondatore della Paper Room, una libreria focalizzata sulla fotografia indipendente nata a Roma nel quartiere San Lorenzo.

Per maggiori informazioni:
328 76 66 584
magazzinifotografici@gmail.com

immagine per sito MAG

Evento fruibile gratuitamente da parte dei soci di Magazzini Fotografici.

Tre incontri online sul tema del diritto d’autore.
20Novembre -27Novembre -4Dicembre
Prenotazione obbligatoria ai seguenti contatti – vi preghiamo di indicare nella mail se si è studenti (inserendo il numero di matricola) o se si è soci 2020 di Magazzini Fotografici:
📞+39 391 705 8989
✉seminarimagazzinifotografici@gmail.com
Interverranno:
Antonio Bellastella, Daniela Savy, Mirco Modolo.

TEMA:
FOTOGRAFIA E PATRIMONIO CULTURALE: TRA DIRITTO D’AUTORE E LIBERO RIUSO

“Cosa succede quando fotografo un bene culturale? E se decidessi di pubblicare lo scatto?”
Queste sono solo alcune delle domande a cui si cercherà di dare una risposta durante il ciclo di seminari che si terranno online a partire dal 20 novembre 2020. A sciogliere tutti i nodi legati alla riproduzione e, soprattutto, alla pubblicazione di fotografie aventi come soggetto un bene culturale ci sarà l’avvocato Antonio Bellastella, affiancato dalla professoressa Daniela Savy e dal funzionario archivista Mirco Modolo.

 
PRIMO INCONTRO:
venerdì 20 novembre alle ore 18.30
Durante il primo incontro si tratterà, in particolare, del tema diritto d’autore nel panorama dei beni culturali e la sua evoluzione legislativa italiana.
L’indagine continuerà sui possibili limiti posti alla pubblicazione di fotografie il cui soggetto sia il patrimonio culturale, sia quello custodito all’interno di istituzioni museali sia quello posto in spazi pubblici come una piazza o una strada, affrontando anche il tema della libertà di panorama, e sul modo in cui tali vincoli possano differenziarsi a seconda dell’uso.
 
SECONDO INCONTRO:
venerdì 27 novembre alle ore 18.30
Nel corso del secondo appuntamento, si analizzerà la distanza tra l’ordinamento italiano e quello internazionale, in particolare di quegli stati i cui istituti culturali hanno ormai aperto alla promozione del pubblico dominio e al libero riuso delle riproduzioni dei beni, e se tali pratiche, radicate oramai nella totale propagazione del digitale e dei social media, possano essere diffuse nel nostro Paese, guardando attentamente ai possibili adattamenti nella disciplina del diritto d’autore, soprattutto alla luce dell’ormai prossima applicazione della direttiva 2019/790/UE.
TERZO INCONTRO:
venerdì 04 dicembre alle ore 18.30
Il terzo ed ultimo incontro sarà, invece, incentrato su un argomento, oggi più che mai, vicino a noi: il caso di mostre che non coinvolgono direttamente l’artista, attraverso l’uso di stampe (come le mostre del famoso street artist inglese Banksy) o di riproduzioni digitali e multimediali, analizzando così quali sono le pratiche organizzative che le istituzioni italiane hanno dovuto attuare, per essere in linea con il dettame normativo nazionale attuale.
I relatori:
Antonio Bellastella, avvocato napoletano, è dedito allo studio della tutela delle opere dell’ingegno artistico, del diritto di immagine, del diritto d’autore.
Già organizzatore generale di eventi di cultura e critico teatrale (per il quotidiano “Liberazione”), grazie agli studi giuridici – e a una tesi di laurea su “La specialità dei rapporti di lavoro degli artisti nello Spettacolo dal vivo” – ha allargato il suo campo d’indagine sia alle dinamiche economiche e legislative di specifici settori delle produzioni culturali, sia ai sistemi di tutela dei processi artistici, intesi soprattutto come beni immateriali, primari e di rilevanza pubblica.
Cultore della materia in Diritto Processuale, oggi si occupa di controversie in materie di diritto civile, d’autore, di immagine e delle proprietà intellettuali per soggetti pubblici e privati, con particolare riguardo ai casi connessi alla dimensione artistica della poesia, della prosa, della fotografia, della regia, della recitazione, della musica e della pubblicità.
Fino al 2005 ha curato produzioni teatrali andate in scena al Teatro Mercadante e al Teatro Nuovo di Napoli, al Teatro India di Roma, allo Stary Teatr di Cracovia, al Festival Internazionale polacco di Lublino, al centro Studi di Bobigny (Parigi).
Daniela Savy è docente e ricercatrice universitaria di Diritto dell’Unione europea e Diritto europeo dei beni culturali, presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. È responsabile scientifico di diversi progetti di ricerca Dipartimentale e di Convenzioni conto terzi e protocolli d’intesa per l’Università degli Studi di Napoli Federico II, il MiBACT e il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN).
Collabora con lo stesso museo nell’ambito del progetto OBVIA (Out Of Boundaries Viral Art Dissemination), progetto di comunicazione e promozione del MANN, finalizzato all’audience development, di cui è ideatrice e coordinatrice, e dell’iniziativa di rete ExtraMann.
Mirco Modolo è archeologo, archivista e studioso del rapporto tra riproduzione digitale, patrimonio culturale e società contemporanea.
Nell’ambito della ricerca archeologica, ha collaborato nel 2015 con l’Ufficio SITAR della Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’Area Archeologica di Roma nell’ambito del progetto di inventariazione e digitalizzazione del fondo “Guglielmo Gatti” di documentazione archeologica conservato presso l’Archivio centrale dello Stato. Dal 2017 è responsabile della didattica per il modulo “Patrimonio e turismo culturale” del Master di II livello in “Culture del Patrimonio” presso l’università degli studi Roma Tre. Dal 2018 è funzionario archivista presso l’Archivio centrale dello Stato (MiBACT) per il quale è responsabile degli archivi fotografici e del servizio di editoria e manifestazioni culturali.
Convinto assertore del ruolo della libera fotografia nella circolazione dei saperi e nella valorizzazione del patrimonio culturale, è stato il coordinatore nazionale del movimento “Fotografie libere per i Beni Culturali” che, tra il 2014 e il 2017, ha promosso la liberalizzazione delle riproduzioni digitali con mezzo proprio nelle biblioteche e negli archivi pubblici italiani per finalità di ricerca, divenuta realtà il 1° settembre 2017 a seguito dell’entrata in vigore della L. 124 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza). È autore di contributi sulle licenze di riutilizzo dell’immagine del bene culturale.
Gli incontri sul diritto d’autore si svolgeranno online sulla piattaforma Zoom e sono gratuiti per i soci 2020 di Magazzini Fotografici e per gli studenti dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.
Sarà cura dell’APS Magazzini Fotografici inviare il link di accesso Zoom.
Per i non tesserati è possibile partecipare all’evento sottoscrivendo la tessera associativa. A questo link sono riportate tutte le indicazioni:
http://www.magazzinifotografici.it/campagnatesseramenti2020/
La prenotazione è obbligatoria ai seguenti contatti:
+39 391 705 8989
seminarimagazzinifotografici@gmail.com
Magazzini Fotografici – Via San Giovanni in porta, 32 – 80139 Napoli

talk con moira ricci

 

Diretta al talk con Moira Ricci su Zoom:  https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_4X4l5n4bSw-3lbkkAp_alg

Terza puntata per Show&Tell #fotoassembramenti, il nuovo format online di Magazzini Fotografici. Un incontro virtuale per ritrovarci insieme a chiacchierare di fotografia in totale sicurezza, con nuovi ospiti ad ogni appuntamento, per favorire la condivisione di idee, progetti e spunti interessanti che possano contribuire alla crescita di tutti.
Ad ogni Show&Tell introdurremo un nuovo argomento, cui potrete attivamente contribuire scrivendo nei commenti le vostre osservazioni e domande.

L’11 novembre, alle 19:00, siamo in diretta Facebook e Zoom per un talk con Moira Ricci, autrice prossimamente ospite di Magazzini Fotografici per due importanti appuntamenti: la mostra del progetto 20.12.53 – 10.08.04  e il workshop online “Immagine d’archivio, una nuova storia”.

Nuovo significato all’immagine è il titolo del suo intervento, tematica che caratterizza da sempre la sua ricerca visiva, caratterizzata dalla valorizzazione del potenziale narrativo offerto dalle immagini. Un incontro online di mezz’ora dove parleremo di storytelling fotografico e di narrazione visiva.

Appuntamento online per l’11 novembre alle 19:00.
Questo il link per partecipare al talk con Moira Ricci su Zoom:
 https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_4X4l5n4bSw-3lbkkAp_alg

Moira Ricci (Italia, 1977) vive e lavora in Italia. La sua ricerca artistica è principalmente incentrata sul riferimento autobiografico. Ad interessarle sono tematiche legate alla formazione delle identità individuali e sociali, alla storia familiare, al concetto di casa e terra e allo speciale legame umano che si instaura con questi. A tal fine sfrutta gli strumenti messi a disposizione dalla tecnologia per rafforzare il suo personale discorso sull’immagine  popolare. Per raccontare eventi personali e storie, sceglie un approccio olistico in grado di offrirle una visione completa e non discontinua sulla totalità dei ricordi e dei frammenti presenti nella memoria.

L’immagine, diversamente dalle parole, è fin dalla sua infanzia lo strumento con cui riesce più facilmente ad esprimere opinioni e punti di vista. Un linguaggio semplice ed immediato di cui predilige la fotografia e il video. I suoi lavori sono stati esposti in importanti musei di tutto il mondo.

La diretta sarà trasmessa anche sulla pagina facebook di Magazzini Fotografici.

Per maggiori informazioni:
328 76 66 584
magazzinifotografici@gmail.com