immagine per sito MAG

Lunedì 1 giugno 2020 h18:00

Lunedì della Fotografia
con Alberto Bianda

Incontri a cura di Antonio Biasiucci ed Yvonne De Rosa, in diretta su:

  • Zoom – questo il link per la registrazione > https://us02web.zoom.us/j/81553089375
  • sulla Pagina Facebook di Magazzini Fotografici.

Il 1°giugno diamo il via al secondo ciclo di incontro dei Lunedì della Fotografia.  L’ospite del prossimo appuntamento, previsto per lunedì 1 giugno alle 18:00, è Alberto Bianda che ci parlerà de “Il libro di fotografia: un percorso progettuale”, una interessante analisi sul metodo e sul percorso progettuale alla base della costruzione di un libro fotografico.

Alberto Bianda è nato a Freiburg (D) il 18 giugno del 1955.
Si diploma in grafica a Lugano nel 1980.
Dal febbraio del 1981 lavora a Milano con Pierluigi Cerri, Gregotti associati.
Inizia l’attività professionale in proprio nel 1984.
Nel 1987 la Banca del Gottardo lo incarica dell’ideazione dell’immagine della Galleria Gottardo, di cui è art director fino alla chiusura della medesima avvenuta nel mese di ottobre del 2008.

Dal 1996 inizia l’attività didattica.
Tiene inoltre corsi al Politecnico di Milano e all’Isia di Urbino.
Viene chiamato a Photo España 2009 per una conferenza nell’ambito degli Encuentros.

Dal 1999 al 2002 è art director per la fotografia per la Federico Motta Editore.
Fonda Theredbox Communication design nel 2001.
Dal 2010 vince il concorso per il neo-nato Centro Culturale Chiasso e ne diventa l’art director. Per l’occasione propone, progetta e cura l’unico volume mai realizzato su Sergio Libis, curandone anche la mostra.
Nel 2012 ha progettato l’allestimento e la grafica per il Museo dei fossili del Monte San Giorgio. Nel 2018 progetta la mostra Ferdinando Scianna, Viaggio Racconto, Memoria, con la curatela di Paola Bergna, Denis Curti oltre che sua.
Dal 2011 nei progetti dello studio è affiancato da sua figlia Vera Bianda

Tra i libri più importanti e premiati ricordiamo:
Gabriele Basilico, L’esperienza dei luoghi, (Galleria Gottardo, Lugano 1983, Arté, Treviso 1994) Ferdinando Scianna, Quelli di Bagheria, (Galleria Gottardo, Lugano 2002, Peliti Associati, 2003, Quaderni dell’Ortigia, 2009) Antonio Biasiucci, Res, lo stato delle cose (Galleria Gottardo/Contrasto,Lugano, 2004), Gabriele Basilico, Diario di lavoro, (Peliti Associati, 2006, Actes Sud, 2006, Dewi Lewis, 2006), Ferdinando Scianna, La geometria e la passione, (Contrasto, Milano 2009), Sergio Libis, fotografo a Milano 1956-1995. (Gabriele Capelli Editore/m.a.x.museo, Mendrisio, 2010) Pavilions and Gardens of Venice Biennale. Photographs by Gabriele Basilico (Contrasto, Milano 2013), Ferdinando Scianna, Visti&scritti (Contrasto, Milano 2014), Ferdinando Scianna, Istanti di luoghi (Contrasto, Milano 2017), Ferdinando Scianna, Viaggio Racconto, Memoria, Marsilio 2018

Ha collaborato con numerosi professionisti tra i quali: Gabriele Basilico, Antonio Biasiucci, Mario Botta, Giampiero Bosoni, Achille Castiglioni, Pierluigi Cerri, Donna Ferrato, Max Huber, Antonin Kratochvil, Sergio Libis, Bruno Monguzzi, Francesco Radino, Ferdinando Scianna, Livio Vacchini, Silvio Wolf.

Attualmente vive, lavora e insegna a Lugano.

Un po’ di storia dei Lunedì della Fotografia:
Era il 1998 quando Vera Maone con la collaborazione di Cecilia Battimelli e Lucia Patalano dava il via ad una serie di appuntamenti che portavano a Napoli, allo studio Parisio, un dibattito sull’arte della fotografia che, coinvolgendo autori di fama internazionale del calibro di Letizia Battaglia, Gabriele Basilico, Mimmo Iodice, Ferdinando Scianna e tanti altri , ha fatto da apripista a tante realtà attive a Napoli nel mondo della fotografia ed ha inaugurato un dialogo importante sull’argomento nel Sud Italia.

Magazzini Fotografici ha  avuto il piacere e l’onore di “ereditare” le registrazioni in VHS dell’epoca ed ha  completato un  lavoro di digitalizzazione che la stessa Vera Maone aveva cominciato e che oggi ci permette di conservare e di tramandare una parte fondamentale della storia della fotografia italiana.

Impossibilitati a realizzare  i “Lunedì della fotografia” programmati nella nostra sede, a causa delle attuali esigenze restrittive, abbiamo deciso di presentare gli incontri con gli autori online.

 

 

immagine per sito MAG

Lunedì 18 maggio 2020 h18:00
Lunedì della Fotografia
con Alex Majoli

Incontri a cura di Antonio Biasiucci ed Yvonne De Rosa, in diretta su:

  • Zoom – questo il link per la registrazione > https://us02web.zoom.us/j/88284238994
  • sulla Pagina Facebook di Magazzini Fotografici.

Per il quarto appuntamento con i Lunedì della Fotografia, previsto per lunedì 18 maggio alle 18:00, avremo come ospite il fotografo Magnum Alex Majoli, che introduce un interessante argomento di dibattito: “Soli o ben accompagnati? Il valore aggiunto della condivisione nella pratica fotografica.”

Alex-Majoli-Photography-2016_250x250Alex Majoli (Ravenna, 1971) è un fotografo italiano.

Il suo lavoro si concentra sulla condizione umana e sulle scene di vita quotidiana.
La carriera di Majoli inizia con un progetto fotografico dedicato alla chiusura del famigerato manicomio sull’isola di Leros in Grecia, che porta alla sua prima monografia intitolata “Leros”. Il progetto nasce in riflesso al suo interesse per le teorie di Franco Basaglia, un pioniere del moderno concetto di salute mentale, famoso per aver abolito gli ospedali psichiatrici in Italia.

L’interesse di Majoli per la psichiatria lo porterà in Brasile dove ha iniziato da 20 anni un lungo progetto, ancora in corso, chiamato “Tudo Bom”, un incredibile lavoro sulle complessità di un paese, particolarmente incentrato sugli estremismi degli aspetti più oscuri della società.

Nel corso degli anni Majoli ha lavorato come fotoreporter. La sua pluriennale esperienza nel fotografare persone in ogni tipo di circostanza, lo porta ad approfondire il ruolo attoriale giocato nelle nostre stesse vite. Capisce che la sua posizione da fotografo può portare le persone ad impersonare un ruolo nel loro ambiente naturale, cosa che mette in evidenza usando la luce artificiale per drammatizzare una routine altrimenti quotidiana. Le sue immagini diventano scene di film in cui le persone, attraverso le loro esibizioni, si esprimono in quello che poi diventa un set cinematografico o un palcoscenico teatrale. Quando si guardano queste fotografie, ci si può solo chiedere se si tratta di realtà o finzione. La linea sottile tra realtà e teatro, documentario e arte e comportamento e recitazione lo affascina particolarmente e lo fa tornare nelle strade e nei luoghi in cui la condizione umana viene messa in discussione. Anche nella più tragica delle miserie trova il teatro, l’orgoglio e soprattutto la magnificenza dello spirito umano.

Attualmente sta lavorando a un progetto sulla frammentazione e la polarizzazione dell’identità europea mentre si impegna a fare i conti con la consapevolezza che non è più possibile isolarsi dalla crisi che si sta verificando nel Mediterraneo. Con questo progetto, Majoli intende invitare il pubblico a mettere in discussione ciò che sta accadendo con l’ideologia europea, la xenofobia, la crisi dei rifugiati e l’estrema destra.

Majoli vive a New York. È membro della Magnum Photos dal 2001 ed è rappresentato dalla Howard Greenberg Gallery di New York.

 

Un po’ di storia dei Lunedì della Fotografia:
Era il 1998 quando Vera Maone con la collaborazione di Cecilia Battimelli e Lucia Patalano dava il via ad una serie di appuntamenti che portavano a Napoli, allo studio Parisio, un dibattito sull’arte della fotografia che, coinvolgendo autori di fama internazionale del calibro di Letizia Battaglia, Gabriele Basilico, Mimmo Iodice, Ferdinando Scianna e tanti altri , ha fatto da apripista a tante realtà attive a Napoli nel mondo della fotografia ed ha inaugurato un dialogo importante sull’argomento nel Sud Italia.

Magazzini Fotografici ha  avuto il piacere e l’onore di “ereditare” le registrazioni in VHS dell’epoca ed ha  completato un  lavoro di digitalizzazione che la stessa Vera Maone aveva cominciato e che oggi ci permette di conservare e di tramandare una parte fondamentale della storia della fotografia italiana.

Impossibilitati a realizzare  i “Lunedì della fotografia” programmati nella nostra sede, a causa delle attuali esigenze restrittive, abbiamo deciso di presentare gli incontri con gli autori online.

 

In arrivo un nuovo ciclo di incontri!

immagine per sito MAG

Lunedì 11 maggio 2020 h18:00
Lunedì della Fotografia
con Renata Ferri

Incontri a cura di Antonio Biasiucci ed Yvonne De Rosa, in diretta su:

In arrivo un nuovo appuntamento online con i Lunedì della Fotografia. L’ospite di questo terzo incontro, previsto per lunedì 11 maggio alle 18:00, è Renata Ferri con un interessante intervento sulle potenzialità della fotografia in questo periodo di forte incertezza sociale:  “Vulnerabili, bloccati, ridotti al silenzio. Ecco noi, generazione felice, di fronte all’imponderabile, inaspettato e atroce presente. La fotografia, mezzo e linguaggio, come si rapporta, cosa può dire? Riflessioni immaginifiche sul presente.”

(c) Martina BacigalupoRenata Ferri è giornalista e Photo Editor, Caporedattore di iO Donna, il femminile del Corriere della Sera. Precedentemente per molti anni, ha diretto i fotografi e la produzione di storie per immagini di Contrasto. Nel 2005, trasferitasi a Milano, ha assunto l’incarico attuale a cui, nel 2011 ha affiancato la direzione della fotografia del mensile Amica di Rcs Mediagroup. Ha tenuto per alcuni anni un blog su ilpost.it, partecipato a numerose giurie italiane e internazionali, inclusa un’edizione del China International Press Photo Contest (CHIPP) e due edizioni del World Press Photo. Scrive di fotografi e fotografie, tiene workshop e lezioni in corsi universitari e scuole specialistiche. Cura progetti editoriali ed espositivi di singoli autori e collettivi.

Un po’ di storia dei Lunedì della Fotografia:
Era il 1998 quando Vera Maone con la collaborazione di Cecilia Battimelli e Lucia Patalano dava il via ad una serie di appuntamenti che portavano a Napoli, allo studio Parisio, un dibattito sull’arte della fotografia che, coinvolgendo autori di fama internazionale del calibro di Letizia Battaglia, Gabriele Basilico, Mimmo Iodice, Ferdinando Scianna e tanti altri , ha fatto da apripista a tante realtà attive a Napoli nel mondo della fotografia ed ha inaugurato un dialogo importante sull’argomento nel Sud Italia.

Magazzini Fotografici ha  avuto il piacere e l’onore di “ereditare” le registrazioni in VHS dell’epoca ed ha  completato un  lavoro di digitalizzazione che la stessa Vera Maone aveva cominciato e che oggi ci permette di conservare e di tramandare una parte fondamentale della storia della fotografia italiana.

Impossibilitati a realizzare  i “Lunedì della fotografia” programmati nella nostra sede, a causa delle attuali esigenze restrittive, abbiamo deciso di presentare gli incontri con gli autori online.

Prossimo appuntamento:

▸  Alex Majoli
18 maggio 2020

immagine per sito MAG 2

Lunedì 27 aprile 2020 h18:00
Lunedì della Fotografia
con Francesco Zizola

Incontri a cura di Antonio Biasiucci ed Yvonne De Rosa, in diretta su:

Arriva il secondo appuntamento con i Lunedì della Fotografia. Ospite di questo nuova diretta online, a partecipazione gratuita, è Francesco Zizola con un intervento sui “Nuovi linguaggi dello storytelling”.

Francesco Zizola (Roma, 1962) ha fotografato le principali crisi e conflitti che si sono succeduti nel mondo negli ultimi 25 anni. Un forte impegno etico e una personale cifra stilistica caratterizzano la sua produzione fotografica. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui dieci World Press Photo e sei Picture of the Year International.

Tra i suoi libri ricordiamo  “Iraq” (2007), “Born Somewhere” (2004) dedicato alla condizione dell’infanzia in 27 paesi del mondo e il più recente “Luna: appunti per sognatori” (2020), quarto dei quaderni FIAF.
Nel 2003 Henri Cartier Bresson include una fotografia di Zizola tra le sue 100 preferite. Da questa collezione nasce una mostra, “Les Choix d’Henri Cartier Bresson” e un libro.

Nel 2015 ha iniziato una nuova serie chiamata “Hybris”, un progetto che tratta della relazione dell’uomo nei confronti della natura. Il cortometraggio relativo al primo capito è stato vincitore del premio SIAE 2018 per il “talento creativo” nell’ambito della biennale del Festival del Cinema di Venezia.
Francesco Zizola è direttore artistico della mostra del World Press Photo di Roma e Ferrara dal 2016 e curatore del progetto “Commissione Roma 2020” per il museo di arte contemporanea Palazzo delle Esposizioni.

Un po’ di storia dei Lunedì della Fotografia:
Era il 1998 quando Vera Maone con la collaborazione di Cecilia Battimelli e Lucia Patalano dava il via ad una serie di appuntamenti che portavano a Napoli, allo studio Parisio, un dibattito sull’arte della fotografia che, coinvolgendo autori di fama internazionale del calibro di Letizia Battaglia, Gabriele Basilico, Mimmo Iodice, Ferdinando Scianna e tanti altri , ha fatto da apripista a tante realtà attive a Napoli nel mondo della fotografia ed ha inaugurato un dialogo importante sull’argomento nel Sud Italia.

Magazzini Fotografici ha  avuto il piacere e l’onore di “ereditare” le registrazioni in VHS dell’epoca ed ha  completato un  lavoro di digitalizzazione che la stessa Vera Maone aveva cominciato e che oggi ci permette di conservare e di tramandare una parte fondamentale della storia della fotografia italiana.

Impossibilitati a realizzare  i “Lunedì della fotografia” programmati nella nostra sede, a causa delle attuali esigenze restrittive, abbiamo deciso di presentare gli incontri con gli autori online.

Prossimi appuntamenti:

▸  Renata Ferri

11 maggio 2020

▸  Alex Majoli

18 maggio 2020

immagine per sito MAG (1)

A partire dal 20 aprile 2020 alle 18:00.

“Lunedì della Fotografia”

Incontri online a partecipazione gratuita su Zoom e in diretta sulla Pagina Facebook di Magazzini Fotografici a cura di Antonio Biasiucci ed Yvonne De Rosa.

Era il 1998 quando Vera Maone con la collaborazione di Cecilia Battimelli e Lucia Patalano dava il via ad una serie di appuntamenti che portavano a Napoli, allo studio Parisio,  un dibattito sull’arte della fotografia che, coinvolgendo autori di fama internazionale del calibro di Letizia Battaglia, Gabriele Basilico, Mimmo Iodice, Ferdinando Scianna e tanti altri , ha fatto da apripista a tante realtà attive a Napoli nel mondo della fotografia ed ha inaugurato un dialogo importante sull’argomento nel Sud Italia.

Magazzini Fotografici ha  avuto il piacere e l’onore di “ereditare” le registrazioni in VHS dell’epoca ed ha  completato un  lavoro di digitalizzazione che la stessa Vera Maone aveva cominciato e che oggi ci permette di conservare e di tramandare una parte fondamentale della storia della fotografia italiana.

Impossibilitati a realizzare  i “Lunedì della fotografia” programmati nella nostra sede, a causa delle attuali esigenze restrittive, abbiamo deciso, a partire dal 20 aprile, di presentare gli incontri con gli autori online

Per il primo appuntamento avremo il piacere di ospitare Michele Smargiassi che introduce un dibattito su “La fotografia comica e quella ridicola”, argomento centrale del suo ultimo libro, edito da Contrasto, che per la prima volta affronta il rapporto tra la fotografia e il divertimento, oscillando tra immagini semplicemente ironiche e immagini più propriamente bizzarre.

Michele Smargiassi, nato prevalentemente nel forlivese, è giornalista e si occupa di fotografia e cultura visuale. Tra i suoi libri: Un’autentica bugia. La fotografia, il vero, il falso (Contrasto, 2009). Fa parte dei comitati scientifici della Società Italiana di Studi di Fotografia, del Centro italiano per la fotografia d’autore di Bibbiena e della Fondazione Nino Migliori. Cura il blog Fotocrazia su La Repubblica.

Questi gli appuntamenti successivi:

▸  Francesco Zizola
27 aprile 2020

▸  Renata Ferri
11 maggio 2020

▸  Alex Majoli
18 maggio 2020

Gli incontri si svolgeranno sulla piattaforma ZOOM e in diretta sulla nostra pagina Facebook.  Clicca qui per registrarti alla diretta Zoom.

immagine per sito MAG

Nel rispetto delle misure di sicurezza nazionali, Magazzini Fotografici annulla il secondo appuntamento degli incontri di approfondimento sul diritto d’autore.
L’evento è rimandato a data da destinarsi.
Confidiamo nell’efficacia di queste piccole precauzioni impegnandoci nel ridurre gli eventi che coinvolgono un numero elevato di persone.
Non appena sarà possibile, sarà comunicata una nuova data.

 

_________________________________

 

Il 6 marzo alle 18:30 si svolgerà il secondo incontro di approfondimento sul tema del copyright nel settore fotografico.
L’Avvocato Toti Bellastella analizzerà le norme che regolano il diritto d’autore, la proprietà fotografica e le riproduzioni, puntando a fare chiarezza sui tanti dibattiti aperti sul tema negli ultimi anni.

Nel corso del secondo incontro, previsto per il 6 marzo 2020 alle 18:30, saranno trattati i seguenti argomenti:
1. Ritratto & Immagine;
2. Diritto Immagine del fotografo e del soggetto fotografato;
3. Liberatoria come si costruisce;
4. Assenza di Liberatoria, conseguenze;
5. Diffamazione;
6. Fotografia, spazi pubblici e “soggetti involontari”.
7. Pubblicazione sui social – Strumenti di tutela, algoritmo Google;
8. Circolazione e titolarità;
9. Opere ritrovate per caso;
10. Tutela legale e Giurisdizionale;
11. Casistica.

Gli incontri sono tenuti da:
Toti Bellastella, avvocato napoletano, è dedito allo studio della tutela delle opere dell’ingegno artistico, del diritto di immagine, del diritto d’autore.
Già organizzatore generale di eventi di cultura e critico teatrale (per il quotidiano Liberazione), grazie agli studi giuridici – e a una tesi di laurea su La specialità dei rapporti di lavoro degli artisti nello Spettacolo dal vivo – ha allargato il suo campo d’indagine sia alle dinamiche economiche e legislative di specifici settori delle produzioni culturali, sia ai sistemi di tutela dei processi artistici, intesi soprattutto come beni immateriali, primari e di rilevanza pubblica.
Cultore della materia in Diritto Processuale, oggi si occupa di controversie in materie di diritto civile, d’autore, di immagine e delle proprietà intellettuali per soggetti pubblici e privati, con particolare riguardo ai casi connessi alla dimensione artistica della poesia, della prosa, della fotografia, della regia, della recitazione, della musica e della pubblicità.
Fino al 2005 ha curato produzioni teatrali andate in scena al Teatro Mercadante e al Teatro Nuovo di Napoli, al Teatro India di Roma, allo Stary Teatr di Cracovia, al Festival Internazionale polacco di Lublino, al centro Studi di Bobigny (Parigi).

Gli incontri sono GRATUITI per i soci 2020 <<<
Per prenotazioni:
admin@magazzinifotografici.it

Woman shooting a camera back at the photographer, USA

Ritornano anche quest’anno i nostri appuntamenti sul tema del copyright nel settore fotografico.
Durante gli incontri, a cura dell’Avvocato Toti Bellastella, si approfondirà la tematica del diritto d’autore e delle norme che regolano la proprietà fotografica e le riproduzioni, puntando a fare chiarezza sui tanti dibattiti aperti sul tema negli ultimi anni.

Nel corso del primo incontro, previsto per il 28 febbraio 2020 alle 18:30, saranno trattati i seguenti argomenti:
1. Autorialità
2. Opera Fotografica VS Scatto fotografico
3. Diritto Autore & Diritti di sfruttamento economico: Durata
4. Diritto Citazione Autore dell’Opera e dello Scatto (diversità Tutela)
5. Diritti Biografia
6. Diritto di Pubblicazione – Diritti Connessi

Toti Bellastella, avvocato napoletano, è dedito allo studio della tutela delle opere dell’ingegno artistico, del diritto di immagine, del diritto d’autore.
Già organizzatore generale di eventi di cultura e critico teatrale (per il quotidiano Liberazione), grazie agli studi giuridici – e a una tesi di laurea su La specialità dei rapporti di lavoro degli artisti nello Spettacolo dal vivo – ha allargato il suo campo d’indagine sia alle dinamiche economiche e legislative di specifici settori delle produzioni culturali, sia ai sistemi di tutela dei processi artistici, intesi soprattutto come beni immateriali, primari e di rilevanza pubblica.
Cultore della materia in Diritto Processuale, oggi si occupa di controversie in materie di diritto civile, d’autore, di immagine e delle proprietà intellettuali per soggetti pubblici e privati, con particolare riguardo ai casi connessi alla dimensione artistica della poesia, della prosa, della fotografia, della regia, della recitazione, della musica e della pubblicità.
Fino al 2005 ha curato produzioni teatrali andate in scena al Teatro Mercadante e al Teatro Nuovo di Napoli, al Teatro India di Roma, allo Stary Teatr di Cracovia, al Festival Internazionale polacco di Lublino, al centro Studi di Bobigny (Parigi).

Gli incontri sono GRATUITI per i soci 2020.
Per prenotazioni:
admin@magazzinifotografici.it

corso di fotografia napoli

Siamo molto felici di presentarvi il primo CORSO BASE DI FOTOGRAFIA di Magazzini Fotografici!
A partire dal 15 febbraio 2020 alle 17:30, giornata di presentazione del corso, Claudio Menna vi condurrà in un percorso alla scoperta dell’appassionante mondo della fotografia.
Il corso ha la durata di un mese e sarà composto da 4 lezioni TEORICHE e 4 lezioni PRATICHE per un totale di 20 ore di formazione.

Per venire incontro alle vostre esigenze abbiamo predisposto una doppia opzione di scelta per le giornate di TEORIA. In fase di iscrizione potrete infatti scegliere se frequentare le lezioni teoriche il lunedì sera, dalle 19:30 alle 21:30, o il sabato mattina, dalle 10:00 alle 12:00.
La domenica mattina sarà invece dedicata alla parte PRATICA con orario, orientativo e uguale per tutti, che va dalle 9:30 alle 12:30.

Un percorso base rivolto ai principianti, che vi avvicinerà al mondo della fotografia e che vi presenterà tutte le tecniche per iniziare ad avere dimestichezza con la macchina fotografica.
In aggiunta al programma ma inclusi nell’iscrizione ci saranno : due incontri con fotografi che condivideranno il loro lavoro e il loro approccio artistico con la classe e tre proiezioni di documentari su autori che utilizzano tecniche e stili differenti nella propria ricerca, in modo da dare una panoramica variegata sull’ utilizzo del linguaggio fotografico. Presto maggiori dettagli sugli eventi aggiuntivi.

• Programma del corso ed argomenti trattati nelle 4 lezioni teoriche:
▪ TECNICA E TECNOLOGIA | Corpo macchina reflex.
▪ Diaframma/Tempi/ISO.
▪ Lettura dell’esposimetro/Gli Stop
▪ Modalità di esposizione.
▪ Il concetto di STOP.
▪ Il triangolo dell’esposizione.
▪ Diaframma e lunghezza focale.
▪ Effetto silhouette/Sottoesposizione.
▪ Inquadrature, tagli , e POV.
▪ La regola dei terzi.
▪ La sezione aurea.
▪ La Street Photography.
▪ La post produzione – Lavorare il file raw, convertirlo in Jpeg, lavorare il file Jpeg.

► Il docente è Claudio Menna: Nato a Napoli nel 1985, Claudio Menna è un fotografo documentarista i cui lavori sono focalizzati tutti sul tema delle minoranze e dei diritti negati. Ha collaborato con Amnesty International sulla tematica sgomberi forzati e campi Rom, e con agenzie di stampa nazionali ed internazionali. Ha lavorato oltre un anno nel carcere femminile di Pozzuoli per un reportage sulla condizione della donna in regime di detenzione. È volontario nell’istituto Paolo Colosimo di Napoli in cui dal 2015 sta realizzando un reportage sulla disabilità visiva seguendo e documentando la quotidianità di un gruppo di teenager ciechi ed ipovedenti convittori nella struttura. Insegna fotografia a minori a rischio, protagonisti di un reportage inerente il fenomeno delle baby gang. I suoi lavori sono pubblicati su quotidiani e magazine nazionali ed internazionali.
Ecco i suoi contatti:
mobile +39 331 11 86 014
mail | claudiomenna85@gmail.com
web | https://claudiomenna.wixsite.com/photo

• Il corso in breve:
▪ Durata Corso: 1 Mese
▪ N° Incontri : 8 [ 4 lezioni teoriche (2 h cad.) e 4 esercitazioni pratiche in strada e/o interne (3 ore cad.) + 1 giornata di presentazione prevista per il 15 febbraio alle 17:30
▪ Ore di corso totali: 20 di cui 8 teoria e 12 di pratica.
▪ MAX 12 studenti per classe

• Giorni di corso stabiliti:
▪ TEORIA – 2 opzioni da scegliere in fase di iscrizione:
Lunedi (17 e 24 febbraio e 2 e 9 marzo) dalle 19.30 alle 21.30
Oppure
Sabato (22 e 29 febbraio e 7 e 14 marzo) dalle 10.00 alle 12.00

▪ PRATICA (unica opzione): Domenica mattina con orario da stabilire, orientativamente 9.30|12.30

• Cosa portare:
▪ Macchina Fotografica carica
▪ PC, meglio se con Lightroom o camera RAW già installati
▪ Pendrive
▪ Un quaderno per gli appunti e una penna

• Prezzo
▪ 300€ per i soci 2020 di Magazzini Fotografici
▪ 300€ + 25€ di tesseramento per i non soci di Magazzini Fotografici

• Come procedere all’iscrizione:
1) Inviare una mail a admin@magazzinifotografici.it con oggetto ISCRIZIONE CORSO BASE e indicando NOME+COGNOME+MAIL+TELEFONO dell’interessato + il giorno scelto per le lezioni di teoria (Lunedì o sabato).
2) Procedere al pagamento di un anticipo di 150€ tramite:
Bonifico bancario
Dati di pagamento:
▪ IBAN IT61X0103003415000000612782
Magazzini della foto
Associazione di promozione sociale
Via San Giovanni in Porta, 32 – 80138, Napoli
C.F./P.Iva 95227840634
oppure
▪ Paypal
(+ 12 Euro di commissione)
info@magazzinifotografici.it
Se pagate tramite bonifico bancario inviare a admin@magazzinifotografici.it il numero della transazione.
Indicate nel bonifico il nome del corso e della persona che lo deve seguire. In caso di mancato raggiungimento del numero minimo di iscritti, verrà restituita l’intera somma versata. Non verrà restituita alcuna cifra, in nessun caso, per mancata partecipazione al corso. La caparra andrà a coprire i costi di organizzazione.
3) Procedere con il saldo dell’importo il primo giorno di corso.
4) Non vi resta che studiare!

POSTI LIMITATI
per maggiori informazioni e iscrizioni: admin@magazzinifotografici.it

LDB_01
Domenica 23 febbraio alle 11:30 Magazzini Fotografici ospiterà la presentazione del libro “L’invenzione del buio” di Discipula e Pierangelo Di Vittorio/Action30, edito da Off The Archive.
 
Il libro è l’esito di una residenza d’artista promossa da Of(f) the Archive nel 2018 nella quale Pierangelo Di Vittorio/Action30 e il collettivo Discipula sono stati invitati a lavorare su materiale conservato nella fototeca della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Bari, “L’invenzione del buio” è un libro dove testo e immagini si inseguono nella creazione di un racconto in cui i confini tra ricerca documentaria, speculazione teorica e finzione sembrano dissolversi gli uni negli altri.
La pubblicazione a cura dell’editore “Of(f) the archive” – nonché ideatore del progetto artistico – si inserisce nel percorso di valorizzazione, in chiave contemporanea, della fototeca della S.a.b.a.p. di Bari.
 
In un futuro imprecisato e sullo sfondo di una catastrofe cosmica, un alieno e un umano si incontrano sulla Terra, un pianeta le cui sembianze ricordano i resti di un enorme archivio a cielo aperto. Qui i due intraprendono un viaggio iniziatico dal quale dipenderà la loro stessa salvezza. Una salvezza che avrà inevitabilmente a che fare proprio con il rapporto con gli archivi, considerati come custodi, non tanto del passato, quanto di un “possibile” non ancora realizzato e di cui il presente possiede la chiave.
Tra richiami a fantascienza e surrealismo, “L’invenzione del buio” prova a dare forma a un’idea di archivio inteso come campo di possibilità e strumento attraverso cui mettere in discussione le abitudini di pensiero. In tal modo, restituisce al lettore un prisma di tematiche che, attraversando la riflessione sull’archivio stesso, sembrano condurre molto oltre: dall’oscillazione della natura umana tra ordine e caos, all’eterno susseguirsi di civiltà e barbarie, passando per i limiti dell’umana conoscenza rispetto alla complessità cosmica nella quale siamo immersi.
Discipula
Un collettivo che si occupa di ricerca visiva e di editoria fondato nel 2013 da M.F.G. Paltrinieri, Mirko Smerdel e Tommaso Tanini. Attraverso l’impiego di diverse strategie, il suo lavoro esplora i meccanismi di produzione e del consumo delle immagini così come il rapporto tra realtà e finzione nei processi di costruzione e negoziazione di senso. Spinti dall’esigenza profonda di portare la produzione artistica fuori dagli spazi tradizionali e istituzionali, i membri di Discipula sono impegnati nell’autoproduzione e nella distribuzione indipendente delle proprie opere visive ed editoriali. Attualmente attivo tra Roma, Milano e Londra, Discipula ha ricevuto diversi riconoscimenti internazionali (Premio Pesaresi, Le Prix du Livre (Les Rencontres d’Arles), Premio Marco Bastianelli).
 
• Pierangelo Di Vittorio
Filosofo, scrittore, animatore culturale. Dottore di ricerca in filosofia delle Università di Strasburgo e di Lecce, ha svolto attività di ricerca e insegnato Lessico filosofico francese presso l’Università di Bari; ha ottenuto un post-dottorato presso l’Università di Bordeaux e di professore associato in Italia (filosofia morale). Autore di numerose pubblicazioni, in Italia e all’estero. È tra i fondatori di Action30, collettivo di ricercatori e artisti che dal 2005 sperimenta forme ibride di condivisione della cultura, attraverso produzioni editoriali, mostre, cortometraggi, performance, spettacoli e particolari situazioni didattiche quali seminari e Worktable aperti e partecipativi. Fa parte della redazione delle riviste Aut aut e Multitudes.
 
 
Off The Archive fotografia e beni culturali
Centro di cultura fotografica “Of(f) the archive – fotografia e beni culturali” specializzato nella digitalizzazione di fondi fotografici e documentari e nella valorizzazione degli archivi di immagini attraverso la produzione artistica contemporanea.
Casa editrice specializzata nella pubblicazione di cataloghi e progetti culturali.
Sito web
http://www.offthearchive.it/
Ingresso GRATUITO
Magazzini Fotografici
Via San Giovanni in porta, 32 – Napoli

immagine per sito MAG

Il 26 gennaio alle 12:30, sempre in collaborazione con CU.QU. / cucinadiquartiere, vi aspettiamo per il brunch del nostro format  con la fisarmonica di Maria Cerbone Zingarina e le sue intense musiche del sud del mondo!

Un pomeriggio di musica e buona compagnia sullo sfondo delle mostre di Letizia Battaglia e di Sara Munari.

La musica è di:
Zingarina, alias Maria Cerbone, nata a Napoli, cresciuta nomade. Muove i primi passi nella musica seduta ad un pianoforte. Nel 2016 trova la sua stabilità musicale camminando per le strade con la sua fisarmonica. Il suo percorso artistico, parte intraprendendo un viaggio in caravan come compagni la musica e il suo Cane, alla scoperta non solo dell’ Europa ma anche di sè. Ora Lautara la sua impronta musicale mescola e fa dialogare tra loro culture diverse per provenienza e collocazione temporale. In un connubio di voce napoletana e ritmi balcanici.

I nostri partner per il format sono gli amici di CU.QU. “Cucina di quartiere”, che ha sede nei quartieri spagnoli, nel cuore del centro storico di Napoli, ma per l’occasione “asporteranno” le loro preparazioni a Magazzini Fotografici!
“La tradizione, per come la intendiamo noi, è un valore da rispettare, soprattutto nella scelta dei prodotti locali e di stagione, con una particolare attenzione all’alimentazione. La cucina napoletana ha antichissime radici storiche e si è arricchita con l’influsso delle diverse culture che ci hanno dominato nel tempo. Importantissima è la fantasia e la creatività dei napoletani nella varietà dei piatti che oggi sono presenti nella nostra cultura culinaria. E su questa idea nasce “CU.QU./cucinadiquartiere”, un fast food sano e genuino, ma soprattutto di qualità.”

Ingresso GRATUITO per i soci di Magazzini Fotografici.