immagine per sito MAG
In arrivo il secondo appuntamento con Cinemagazzini&FilmOff, la nostra rassegna realizzata in partnership con filmOff/visioni cinefile. Per quest’anno sarà interamente centrata sugli Strange Movies, i film più strani, assurdi, folli, bizzarri, eccentrici, diversi dal solito, fuori dai normali canoni cinematografici. In questa rassegna “strangemovies” vedremo dal punto di vista della regia o della storia, film grotteschi, minimalisti, sperimentali,visionari, surreali, per una”ricerca & sperimentazione nel cinema”
 
Il secondo film in programma mercoledì 19 febbraio 2020 alle 20:30 è:
▸ Jane B. par Agnès V.
regia: Agnès Varda
Francia, 1987, colore, v.o. sott. ita., ‘100 minuti
L’obiettivo di Agnès Varda in Jane B. par Agnès V. (1988) è ambizioso: reinventare il modo di filmare una biografia. Non più quindi il classico stile documentaristico, con il protagonista che si rivolge alla cinepresa raccontando la sua vita, corroborato da
immagini descrittive e testimonianze altrui, ma qualcosa di diverso. L’idea, molto cinematografica e molto nouvelle vague, è che si possa rendere più fedelmente l’essenza di una persona con l’artificio che attraverso il presunto realismo di un approccio descrittivo. E così la pellicola alterna alcune scene in cui la protagonista Jane Birkin parla di sé, in maniera se non recitata senz’altro molto studiata, ad altre in cui interpreta brevemente vari ruoli fra i più ostentatamente disparati, da Giovanna d’Arco a Calamity
Jane. Appaiono anche, poco più che comparse, l’ex compagno Serge Gainsbourg e le figlie (a loro volta future icone di stile) Charlotte Gainsbourg e Lou Doillon.
 
Ingresso GRATUITO per i soci 2020

Qui trovate tutti gli appuntamenti in programma e il pressbook della rassegna.

Per info e prenotazioni
admin@magazzinifotografici.it
filmoff.filmoff@gmail.com
+393381971084
immagine per sito MAG

La nuova programmazione del nostro Cinemagazzini si basa su un particolare Focus su Letizia Battaglia: in proiezione, per la prima parte del 2020, una serie di docufilm per conoscere e studiare carriera e fotografia della prima fotoreporter italiana e per scoprire dettagli, storie e retroscena di alcune delle sue immagini in mostra fino all’8 marzo 2020.

Per il secondo appuntamento dell’anno avremo in proiezione:
Battaglia
regia di Daniela Zanzotto
2004 – 58 min
Il documentario restituisce un’immagine nitida e immediata della fotografa che, per necessità e volontà di cronaca, ha immortalato le stragi, il dolore e gli effetti devastanti dell’azione delle mafie a Palermo. Letizia Battaglia, sembra dire il film, scatta pensando al suo ruolo e realizzando le foto come se fossero domande a cui non si può non rispondere. La fotoreporter decide di stare nel mezzo tra la morte, quella violenta dei morti ammazzati, e il mondo, quello letto sul giornale del giorno dopo, restando in attesa, pronta a partire ad ogni squillo del telefono, ad ogni sparo per strada.

Letizia
regia di Andrea Rizzo Pinna e Simona La Marca
2016 – 13 min
Una breve intervista video, un ritratto di Letizia Battaglia realizzato durante la mostra “Anthologia” svolta presso la galleria Zac di Palermo.

Doppia proiezione: h19:00 e h21:00
Contributo richiesto ai soci: 3€
Prenotazioni a: admin@magazzinifotografici.it

immagine per sito MAG

A partire da mercoledì 29 gennaio 2020 riparte Cinemagazzini&FilmOff, la nostra rassegna realizzata in partnership con filmOff/visioni cinefile che per quest’anno sarà interamente centrata sugli Strange Movies.

Il primo film in programma mercoledì 29 gennaio 2020 alle 20:30 è:

Le margheritine (Sedmikràsky)
regia: Věra Chytilová
Cecoslovacchia, 1966, colore, v.o. sott. ita., ’72 minuti

Nella Praga degli anni ’60, due sensuali adolescenti vagano senza scopo, mettendo a segno una serie di scherzi, dove il cibo, e attraverso di esso la seduzione, è prepotentemente in primo piano. Tra finti adescamenti a uomini di mezza età, abbuffate, sbornie e provocazioni di varia natura, le due si lasciano andare a folli rivolte verso la società dei consumi e contro il maschilismo dominante. Gioiellino degli anni ’60 della Nová vlna, movimento osteggiato dal regime di allora.

Ingresso GRATUITO per i soci 202o

Qui trovate tutti gli appuntamenti in programma e il pressbook della rassegna.

Per info e prenotazioni
admin@magazzinifotografici.it
filmoff.filmoff@gmail.com
+393381971084

locandinapiccola

A partire da mercoledì 29 gennaio riparte Cinemagazzini&FilmOff la nostra rassegna realizzata in partnership con  filmOff/visioni cinefile.  Per quest’anno sarà interamente centrata sugli Strange Movies, i film più strani, assurdi, folli, bizzarri, eccentrici, diversi dal solito, fuori dai normali canoni cinematografici. In questa rassegna “strangemovies” vedremo dal punto di vista della regia o della storia, film grotteschi, minimalisti, sperimentali,visionari, surreali, per una”ricerca & sperimentazione nel cinema”

Ecco le proiezioni in programma:

  • mercoledì 29 gennaio 2020 – ore 20,30
    Le margheritine (Sedmikràsky)
    regia: Vera Chytilova
  • mercoledì 19 febbraio – ore 20.30
    Jane b. par Agnès V.
    regia: Agnès Varda
  • mercoledì 11 marzo – ore 20.30
    El topo
    regia: Alejandro Jodorowsky
  • mercoledì 15 aprile – ore 20.30
    The forbidden room
    regia: Guy Maddin &  Evan Johnson
  • mercoledì 20 maggio – ore 20.30
    Dawson city: frozen time
    regia: Bill Morrison
  • mercoledì 24 giugno – ore 20.3o
    La antena
    regia: Esteban Sapir
  • Settembre con date da stabilire:
    The thief (la spia)
    regia: Russell Rouse
  • Ottobre con date da stabilire:
    Favula
    regia: Raùl Perrone
  • Novembre con date da stabilire:
    Happy end
    regia: Oldrich Lipsky
  • Dicembre con date da stabilire:
    Il barone di munchhausen
    regia: Karel Zeman

Qui potete scaricare la locandina dell’intera rassegna e il pressbook.

Qui trovate l’articolo di Alias,

per info  e prenotazioni
admin@magazzinifotografici.it
filmoff.filmoff@gmail.com
+393381971084

Magazzini Fotografici
via san giovanni in porta, 32 – 80139 napoli

logo strange

presentano

logo strange

Sta per arrivare la nuova rassegna realizzata in partnership con filmOff/visioni cinefile! Per quest’anno sarà interamente centrata sui film più strani, assurdi, folli, bizzarri, eccentrici, diversi dal solito, fuori dai normali canoni cinematografici. In questa rassegna “strangemovies” vedremo dal punto di vista della regia o della storia, film grotteschi, minimalisti, sperimentali,visionari, surreali, per una”ricerca & sperimentazione nel cinema”

Primo appuntamento previsto per mercoledì 29 gennaio. Presto maggiori dettagli!

Per info:
admin@magazzinifotografici.ti
filmoff.filmoff@gmail.com

immagine per sito MAG

La nuova programmazione del nostro #Cinemagazzini inizia con un particolare Focus su Letizia Battaglia: in proiezione, per la prima parte del 2020, una serie di docufilm per conoscere e studiare carriera e fotografia della prima fotoreporter italiana e per scoprire dettagli, storie e retroscena di alcune delle sue immagini in mostra fino all’8 marzo 2020.

I primi due documentari in proiezione sono:
● La mia Battaglia
regia di Franco Maresco
Palermo: la fotografia, la malattia mentale dell’Ospedale Psichiatrico di via Pindemonte, la vita e la morte, l’amore e la vecchiaia. Questi sono solo alcuni dei temi affrontati dalla grande fotografa Letizia Battaglia in un “incontro ravvicinato” con Franco Maresco, che vede la luce dopo vent’anni di attesa. Il risultato è il racconto intenso e inedito di una città che la Battaglia ha reso nota al mondo per la sua violenza efferata ma senza dimenticare la grazia, l’innocenza e la voglia di non arrendersi.

● Amore Amaro
regia di Francesco Raganato
Il documentario porta il titolo di una delle più importanti mostre della
Battaglia (svoltasi nel 1986) che racchiudeva scatti, per lo più in bianco e nero, sulla miseria e sullo splendore di una città, Palermo, che l’ha sempre vista ritornare dalle sue esperienze in giro per il mondo, cedendo sempre, arresa, al suo sguardo.

Doppia proiezione: h19:00 e h21:00
Contributo richiesto ai soci: 3€
Prenotazioni a: admin@magazzinifotografici.it

cinema fotografia cineforum

Il 18 dicembre 2019, per il prossimo appuntamento con #Cinemagazzini, avremo in proiezione un doppio documentario su due grandi donne della fotografia internazionale:
● MASTERS OF PHOTOGRAPHY – DIANE ARBUS
regia: John Musilli
In questo documentario il lavoro della fotografa Diane Arbus è raccontato da sua figlia, dagli amici, dalla critica e dalle sue stesse parole scritte nei suoi diari prima di morire, un anno prima della produzione del documentario. Il documentario è illustrato con molte sue fotografie e descrive il suo peculiare modo di lavorare “senza l’aiuto di nessuno”, sempre attratta dallo strano, persone emarginate dalla società, gay e lesbiche, estremisti, persone con stili di gusto incerti in posa o in situazioni che ispirano ironia, in definitiva scene in cui la maggior parte delle persone preferisce guardare dall’altra parte.

● CINDY SHERMAN – #UNTITLED
regia: Clare Beavan
In questo film spiritoso e rivelatore, Cindy Sherman – ampiamente riconosciuta come uno dei più grandi artisti contemporanei viventi – concede una rara intervista al pluripremiato regista Clare Beavan.
In quattro decenni, Sherman ha utilizzato oggetti di scena e telecamere per creare una gamma mozzafiato di personaggi inventati – dalla sirena sullo schermo al clown all’invecchiante socialite – che evocano una serie di emozioni dallo shock al divertimento. Sherman appare in quasi tutte le fotografie che scatta, ma si allontana dai riflettori dei media e praticamente non appare mai sulla macchina fotografica.
Insieme a un raro accesso all’artista stessa, questo film parla di artisti, curatori e coloro che le sono più vicini durante la sua vita e carriera.

Doppia proiezione: h19:00 e h21:00
Contributo richiesto ai soci: 3€
Prenotazioni a: admin@magazzinifotografici.it

Copia di immagine per sito MAG

Il 4 dicembre alle 20:30, per il nuovo appuntamento di Cinemagazzini&FilmOff – la nostra rassegna dedicata alla cine-fotografia della Nouvelle Vague realizzata in partnership con filmOff – avremo in proiezione:
▶ AGENTE LEMMY CAUTION: MISSIONE ALPHAVILLE (ALPHAVILLE, UNE ÉTRANGE AVENTURE DE LEMMY CAUTION)
regia : Jean-Luc Godard
Francia 1965, b&n, v.o. sott.ita.,95 minuti

Personale e orwelliana rilettura della fantascienza orchestrata da Godard a partire dalle suggestioni poetiche de La capitale de la douleur di Paul Eluard, Agente Lemmy Caution: Missione Alphaville è un’opera che non assomiglia a nulla, forse neanche nella filmografia del regista svizzero. Il pregio principale dei veri rivoluzionari del linguaggio, della sintassi e della logica non può essere ristretto “solo” alla capacità di stravolgere la prassi rinnovandola dalle fondamenta: la vera rivoluzione, al contrario, nasce proprio dalla volontà intrinseca di creare il nuovo utilizzando, rimasticando e a volte criticando il già esistente.
È partendo da questa riflessione che si può forse comprendere meglio, senza fermarsi alla mera superficie delle cose, il ruolo svolto all’interno della storia del cinema francese, europeo e mondiale da Jean-Luc Godard. Troppo facilmente ridotto a materia da museo in quanto (co)creatore di quel micro/macro-cosmo che fu la Nouvelle Vague, Godard ha in realtà attraversato gli ultimi cinquant’anni di storia del cinema schierandosi sempre e comunque dal lato meno “sicuro” della barricata; un’indole che deflagra in maniera incontrovertibile in Alphaville, une étrange aventure de Lemmy Caution (1965) conosciuto dalle nostre parti con il titolo Agente Lemmy Caution: missione Alphaville.

La partecipazione è GRATUITA per i soci 2019
Per info e prenotazioni: admin@magazzinifotografici.it

Koudelka-shooting-Holy-Land

Per il nuovo appuntamento con #cineMAGAZZINI,  in proiezione il 13 novembre alle 19:00 e alle 21:00 il docufilm:

• KOUDELKA, SHOOTING HOLY LAND
regia: Gilad Baram
Repubblica Ceca 2015 , colori , v.o. sott.ita., 76 minuti

Uno sguardo intimo nel processo creativo di Josef Koudelka, uno dei più grandi maestri viventi della fotografia. Il regista israeliano Gilad Baram ha seguito Koudelka nel suo viaggio fotografico attraverso Israele e Palestina, alla ricerca del momento più sincero in cui far emergere la verità di uno scatto.
Quarant’anni dopo aver catturato le immagini iconiche dell’invasione sovietica di Praga nel 1968, il leggendario fotografo ceco della Magnum arriva in Israele e in Palestina. Vedendo per la prima volta il muro alto nove metri costruito da Israele nella West Bank, lo sgomento lo assale, fino a spingerlo ad intraprendere un progetto quadriennale nella regione che lo metterà difronte alla dura realtà della violenza e del conflitto.
Il regista Gilad Baram, all’epoca assistente di Koudelka, lo segue nel suo viaggio attraverso la Terra Santa da una posizione enigmatica e al tempo stesso spettacolare. Ogni luogo nasconde nuovi scatti e nuove potenziali scene, emerge così un affascinante dialogo tra la cinematografia di Baram e le fotografie di Koudelka, immagini austere e mai violente di un paesaggio scolpito da muri di cemento e filo spinato, un ritratto intenso di una regione profondamente scossa dalle tensioni religiose e razziali.

Doppia proiezione h19:00 e h21:00
Contributo richiesto ai soci 2019: 3€

Prenotazioni a: admin@magazzinifotografici.it

Copia di immagine per sito MAG

Il 6 novembre alle 20:30, per il nuovo appuntamento di Cinemagazzini&FilmOff – la nostra rassegna dedicata alla cine-fotografia della Nouvelle Vague realizzata in partnership con filmOff – avremo in proiezione:

Francia 1967, colore, v.o. sott.ita., 103 minuti
Julie vede l’amato Davide morire sulle scale della chiesa subito dopo averlo sposato. Responsabili dell’involontario omicidio sono quattro uomini ai quali la donna risalirà per vendicare il marito assassinato.
«La suspense è in sé spettacolo. È l’arte di mettere il pubblico nell’azione, facendolo partecipare al film.» La magia tutta de La Sposa in Nero risiede nelle parole del suo regista, rarissimo caso di cineasta capace di coinvolgere chi guarda nonostante le carte del gioco siano scoperte già in partenza. Nell’adattare per il grande schermo il primo tassello della serie nera data alle stampe da Cornell Woolrich, Francois Truffaut apporta ai meccanismi del testo d’origine una sola ma significativa modifica: lì dove il romanziere occultava, tenendo nascoste fino all’ultimo capitolo identità e motivazioni della protagonista, Truffaut rivela; mettendo progressivamente al corrente del perché, la magnetica Julie, è spinta dal desiderio di vendetta nei confronti dei cinque scapestrati che nell’originale si facevano chiamare i “diavoli del venerdì sera”.
Un rischio che, da calcolato, si trasforma ben presto in fragoroso punto di forza. Truffaut, passando dalle parole ai fatti, riscrive letteralmente le regole di un genere all’interno del quale lo spettatore diventa elemento essenziale, perché coinvolto in prima persona nella narrazione attraverso il crescente sentimento di patteggiamento nei confronti dell’innamorata vendicatrice.

| La partecipazione è GRATUITA per i soci 2019 |
Per info e prenotazioni: admin@magazzinifotografici.it