FILE - In this June 8, 1972 file photo, South Vietnamese forces follow after terrified children, including 9-year-old Kim Phuc, center, as they run down Route 1 near Trang Bang after an aerial napalm attack on suspected Viet Cong hiding places. A South Vietnamese plane accidentally dropped its flaming napalm on South Vietnamese troops and civilians. The terrified girl had ripped off her burning clothes while fleeing. The children from left to right are: Phan Thanh Tam, younger brother of Kim Phuc, who lost an eye, Phan Thanh Phouc, youngest brother of Kim Phuc, Kim Phuc, and Kim's cousins Ho Van Bon, and Ho Thi Ting. Behind them are soldiers of the Vietnam Army 25th Division. (AP Photo/Nick Ut, File)

Siamo giunti al quarto appuntamento con Behind the Icons, il format tenuto da Roberta Fuorvia, che ci porta alla scoperta delle storie dietro le immagini.
Il prossimo incontro, previsto per il 30 maggio alle 19:00, ha per protagonista una delle immagini più toccanti della storia, il famosissimo scatto di Nick Ut “Napalm girl”.

L’immagine scattata l’8 giugno 1972 e diventata simbolo della Guerra del Vietnam, mostra Kim Phuc – una bambina di nove anni -mentre fugge da un villaggio completamente nuda insieme ad altri bambini, dopo essere stata gravemente ustionata sulle braccia e sulla schiena da un bombardamento al napalm delle forze aeree del Vietnam del sud.

La partecipazione è GRATUITA per i soci 2019.
Per info e prenotazioni: eventi@magazzinifotografici.it
Prossimo appuntamento:
QUINTO INCONTRO
Neil Leifer “Muhammad Alì VS Sonny Liston, 1965”