CA2.TIF

Laura Pannack è una fotografa riconosciuta a livello internazionale la cui ricerca combina la passione per la psicologia alla fotografia, esplorando la complessa relazione tra il soggetto ed il fotografo.
I suoi lavori sono stati esposti alla National Portrait Gallery, alla House of Parliament, alla Somerset House e al Royal Festival Hall a Londra.
Pannack lavora soprattutto in analogico permettendo al suo lavoro di essere organico, privilegiando l’intimità ed i risultati spesso imprevedibili della pellicola.
L’obiettivo del workshop Intimacy and trust with your subject è indagare e imparare a connettersi con gli altri e come -individualmente- sviluppare una visione personale.
Laura Pannack non si focalizzerà sugli aspetti tecnici, ma su un approccio emozionale che permetterà ai partecipanti di sperimentare e stimolare la creatività di cui siamo dotati.
Il risultato sarà ottenere più sicurezza e consapevolezza durante il proprio lavoro, superare le paure andando oltre la nostra comfort zone e fare una nuova esperienza. 

INFORMAZIONI
giorni_ sabato 28 e domenica 29 maggio 2017
orari_ dalle 11.00 alle 14.00 e dalle 15.00 alle 17.00
costi_€200 per i nostri soci

Per tutti coloro che non sono ancora in possesso della tessera annuale 2017 di Magazzini Fotografici, è necessario richiederla via email al momento dell’iscrizione al costo di €5.

MATERIALI
Ogni partecipante è invitato a portare un portfolio composto da 10 immagini per presentare il proprio lavoro.
– una penna e un blocchetto per prendere appunti durante le lezioni.
– pen drive.
– computer portatile.
Invitiamo, inoltre, ciascun partecipante a inviare una lista insieme alla scheda d’iscrizione compilata in tutte le sue parti, degli obiettivi che si intende raggiungere.

Download della scheda d’iscrizione qui
Per iscriversi, inviare una mail a eventi@magazzinifotografici.it

pannack

 

“La grande abilità di Laura di instaurare rispetto e fiducia con i suoi soggetti le permette di esprimerne una vulnerabilità non solo sincera, ma anche molto impercettibile e difficile da catturare”

Terry O’Neill – fotografo

 

Read more

12010690_906870852696197_5005653052899978691_o

È partito il conto alla rovescia per l’evento foto-gastronomico più atteso dell’anno: sabato 8 aprile a partire dalle 19 Magazzini Fotografici ospiterà la serata di premiazione della seconda edizione di Slideluck Napoli.
Ore 19.00“Potluck” dinner, una cena dove ogni partecipante porta una pietanza da condividere con gli altri ospiti. La parte beverage sarà invece gestita da Brooklyn Brewery, uno dei quaranta produttori di birra più grandi degli Stati Uniti.
Ore 21.00: Il team di Slideluck Napoli presenterà lo slideshow dei vincitori 2017 con la proiezione dei lavori degli artisti selezionati.

Martina Albertazzi / Nicola Avanzinelli / Isabella Borrelli / Anna Brignolo / Carmen Colombo / Livia Di Lucia / Barbara Fiorillo / Andrea Foligni / Danilo Garcia Di Meo / Adel Koleszar / Mar Martín / Ornella Mazzola / Vincenzo Metodo / Laura Murray / Carlo Rainone / Benedetta Ristori / Isadora Romero / Dasha Shapovalova / Serena Vittorini / Tanya Workman

Per informazioni, inviare una mail a naples@slideluck.com oppure contattare telefonicamente Roberta Fuorvia al +39 3313548243

17203158_1292937810756164_2385813650895189656_n

Daria Scolamacchia, photoeditor, lavora a Fabrica, centro di ricerca sulla comunicazione di Benetton Group, dove coordina i progetti fotografici e cura la realizzazione di libri e mostre.

Dal 2008 al 2013 ha lavorato nel dipartimento fotografico del settimanale “Io Donna” del Corriere della Sera scrivendo di fotografia per Solferino 28, blog di Corriere.it.
Tra il 2006 e il 2008 si è occupata di editing e produzione di servizi fotografici per l’agenzia Contrasto. Si è formata nelle redazioni romane dell’agenzia di stampa Associated Press Photo e APTN (Associated Press Television News).
Il 1 aprile sarà ospite #MagazziniFotografici per le letture dei vostri portfolio.

ORARI
dalle 12 alle 14—> 4 persone
dalle 15 alle 18—> 6 persone

COSTI
€50 che include la lettura portfolio + una consumazione.
Per iscriversi inviare una mail a eventi@magazzinifotografici.it

14265000_1291916084207724_503029566314696045_n

Ritorna #spazioFOTOcopia!
STAMPA 75x36
 
Il tema sarà #CONTRASTO
[con-trà-sto]
 
#resistenza #azionedifensiva #opposizione #scontro #contesa #lite #disputa #disaccordo #opporsi #opposizione #contraddire #provocare #discordia #senzadubbio #contrapposizione #colori #suoni #passione #sentimento #ragione #frasognoerealtà #disputa
 
ENG BELOW
 
spazioFOTOcopia è rivolto a fotografi affermati e giovani talenti della fotografia. E’ uno spazio dedicato a mostre collettive, personali e pubblicazioni allestite utilizzando esclusivamente stampa Xerox per ridurre al minimo i compromessi e dare il massimo spazio alla creatività ed alle idee e focalizzare l’ attenzione esclusivamente sul soggetto della ricerca fotografica.
Ospiteremo nel nostro spazio fotografi noti e meno noti, ci occuperemo della curatela e sceglieremo le migliori opere guidati esclusivamente dall’interesse per il tema trattato dagli autori e per l’approccio da essi scelto.
 
spazioFOTOcopia è attenzione al contenuto e non al contenitore: un nuovo spazio espositivo che serve a veicolare l’arte e le idee.
 
spazioFOTOcopia è un modo innovativo di fare collezionismo di qualità alla portata di tutti.
 
L’ impermanenza dell’oggetto fotocopia ci rende liberi da questioni di conservazione e archivio rendendo l’opera leggera e sostenibile.
 
Il fotografo partecipa gratuitamente alla call e noi di Magazzini Fotografici provvediamo ai costi di produzione, allestimento e curatela della mostra.
 
Tutti gli ospiti che visitano spazioFOTOcopia possono acquistare le opere in esposizione a due tipologie di prezzi:
€5 formato A4
€10 formato A3
 
Ogni FOTOcopia venduta avrà una certificazione.
Il ricavato delle vendite servira’ a coprire i costi di produzione, allestimento e curatela e ad alimentare il mercato fotografico con una nuova formula che servirà ad incrementare un modo diverso di fare collezionismo: promuovere la “FOTOcopia d’autore”.
 
Magazzini Fotografici si occuperà di offrire un servizio di piattaforma per tutti gli autori che verranno selezionati con non ultimo lo scopo di veicolare lo sviluppo di una nuova cultura fotografica.
Se qualcuno volesse acquistare l’ originale fotografico delle FOTOcopie, Magazzini Fotografici provvederà a fornire all’ interessato i dettagli dell’ autore senza nessuna percentuale di commissione.
spazioFOTOcopia e’ promotore di idee, eventi e mostre sostenibili per favorire una maggiore consapevolezza foto
grafica ed una maggiore educazione all’ immagine.
 
I lavori selezionati per la mostra verranno stampati con la nostra xerox printer, contrassegnate con il nome dell’ autore ed esposte nel nostro #spazioFOTOcopia a Magazzini Fotografici Sabato 8 aprile ottobre 2016.
 
 
PER PARTECIPARE
Per prendere parte alla mostra di Spazio FOTOcopia con il tema CONTRASTO, inviate i file in una cartella zip con wetransfer a info@magazzinifotografici.it entro e non oltre il 27 marzo 2017 con:
 
-minimo 1 massimo 10 immagini
-30×20 cm
-300dpi
-nominare i file con Nome_ Cognome_ Luogo_ Anno ad es. Mario_Rossi_Perù_1975
una sinossi del lavoro
una breve bio.
Questa e’ l’ unica procedura che ci permettera’ di visionare le vostre partecipazioni
 
—————————————————
At Magazzini Fotografici we have a space dedicated to #PHOTOcopies_For_Photographers
What’s important for us is to let images be seen not on a computer screen.
It is a space dedicated just to ideas and images.
We will personally print all the pictures with all the dedicated cure with our Xerox machine.
———————-
To be selected for the show, send us a zip file or a WeTransfer containing:
1 – 10 photos
@300dpi
size: 30×20 cm
to: info@magazzinifotografici.it
———————-
Only selected images will go on show.
There are no fees to participate.
—————————————————————————-

 

 

Spera_007 MagFotoNa

weekend workshop Luca Santese (trascinato) copia

Magazzini fotografici WORKSHOP

Il workshop ha l’obiettivo di guidare i partecipanti nella finalizzazione di un progetto fotografico. Particolare attenzione verrà data alle modalità più appropriate per selezionare le fotografie allo scopo di ultimare un progetto in relazione alla sua pubblicazione. Attraverso l’analisi delle pratiche di Editing e Storytelling si mira a fornire gli strumenti necessari alla costruzione di un progetto fotografico finalizzato alla pubblicazione editoriale e alla progettazione e realizzazione di una mostra e di un libro fotografico. A questo scopo si darà particolare attenzione ai progetti degli studenti di cui si discuterà forma e contenuto in modo da migliorarne l’efficacia nel ambito di competenza. Verranno approfondite le strategie di diffusione, promozione e distribuzione del propri progetti. È richiesto allo studente di presentare una selezione delle proprie immagini o un progetto in fase di realizzazione. Read more

 Mar-Mediterraneo-aprile-2011.-©-Giulio-Piscitelli-Contrasto-1024x681
Sarà a Magazzini Fotografici  la prima presentazione di Harraga. In viaggio bruciando le frontiere, il libro di Giulio Piscitelli pubblicato da Contrasto (in italiano e inglese) e curato da Giulia Tornari.
 
Un’occasione per ascoltare il racconto dell’esperienza del fotogiornalista italiano il cui lavoro è rappresentato dall’Agenzia Contrasto. In dialogo con Giulio Piscitelli interverrà la curatrice Giulia Tornari.
 
Harraga è il termine con cui, in dialetto marocchino e algerino, si definisce il migrante che viaggia senza documenti, che “brucia le frontiere”. Giulio Piscitelli a Napoli racconterà di come negli ultimi anni ha seguito le rotte dei migranti che provano a entrare in Europa. Lo ha fatto nel Mediterraneo orientale e in quello occidentale, imbarcandosi in Tunisia per raggiungere le coste italiane, documentando le enclave spagnole di Melilla, i viaggi verso Lampedusa, i profughi del Corno d’Africa che attraversano il deserto, i siriani, gli iracheni, gli afghani che approdano sulle isole greche nella speranza di raggiungere l’Europa. Frutto di un lungo progetto iniziato nel 2010, Harraga è una testimonianza unica, in immagini e parole, del periodo storico che stiamo attraversando; un archivio visivo che lascia un segno indelebile nella mente di chi guarda. Le immagini del libro documentano le lunghe attese prima della partenza (trascorse in appartamenti gestiti da bande mafiose locali che lucrano sul traffico di migranti), il tragitto, l’arrivo. Un approdo, però, che non significa la fine del viaggio. Quello di Piscitelli è infatti anche il primo reportage che documenta cosa attende i migranti al loro arrivo: i CIE, lo sfruttamento della manodopera a Rosarno, i campi di Castelvolturno. Giulio Piscitelli ha seguito anche La Rotta Balcanica documentando gli sbarchi sull’Isola di Kos e di Lesbo le migliaia di persone a Idomeni in attesa di attraversare il confine tra Grecia e Macedonia.
 
La testimonianza presentata in Harraga è un lungo racconto che si articola in tre momenti fondamentali che corrispondono alle diverse fasi del reportage: dalle rotte africane verso l’Europa, passando per l’Italia e la Francia, fino ad arrivare alla rotta balcanica. Un diario visivo, un itinerario vissuto e raccontato in prima persona dal fotografo stesso. La spontaneità e l’intensità della scrittura diaristica, che accompagna con un unico grande sguardo le fotografie, amplifica il valore della testimonianza. L’attenzione del fotografo incontra “l’uomo” di cui racconta caso per caso e con grande umanità le esperienze e i drammi personali.
 
Completano il volume un testo introduttivo di Alessandro Leogrande e le mappe inedite disegnate appositamente per questo lavoro dal cartografo Philippe Rekacewicz.
 
Con questo reportage, che sarà esposto a Forma Meravigli (Milano) dal 24 febbraio al 26 marzo 2017, Giulio Piscitelli ha vinto la 13esima edizione del Premio Amilcare G. Ponchielli, istituito dal GRIN (Gruppo Redattori Iconografici Nazionale). 16403426_634327883358624_34517443899200522_o
griot-mag-malick-sidibe-farewell-to-the-malian-photographer-of-african-renaissance-2

FOTOFORUM:: 10 Febbraio ore 18.30 La culla dei continenti vista da chi ci è nato, da chi ci è migrato, da chi ci abita, chi ci è finito per caso e chi per sommo interesse. Parleremo dell’Africa vista dai più grandi fotografi che vi si sono avvicinati ma soprattutto daremo voce ai più piccoli, nativi e non di questo continente affascinante e sconosciuto. Sarà presente anche Luca Rocchi che ci parlarà del suo reportage sui bambini Talibé del Senegal. photo@Malick Sidbe

FOTOFORUM::
10 Febbraio ore 18.30

 

photo credit cover @Peter Hugo

 

TESSUTI TONIU’ ::
Presentazione e Temporary exhibition
10 Febbraio ore 19.00
16463519_634122993379113_2958264848757726009_o

TESSUTI TONIU’ :: Presentazione e Temporary exhibition 10 Febbraio ore 19.00 Tessuti Toniù è una storia di fruscii, ritagli, scampoli. È una trama che si dipana lungo l’ampio arco di vita di una donna, Antonia, il cui percorso copre un secolo intero. È un racconto a fior di pelle – scritto con occhi di una figlia che guarda sua madre – che, sulla pelle, nella sua fitta tessitura, scova le tracce di dolori, amori, ferite e successi di un’esistenza intera. Ma è anche una storia che passa per un catalogo di piccoli tesori, quelli provenienti dal negozio di tessuti di Antonia, “Tessuti Toniù”, traguardo professionale perseguito e difeso con l’ostinazione di una donna imprenditrice nel dopoguerra del sud-Italia e confine in cui si consumano riti, vezzi e conquiste di un’identità femminile in trasformazione. La trama di questo libro si compone di ritagli tratti dalle riviste d’epoca: è un piccolo catalogo dei cliché e dei condizionamenti ideologici a cui le donne sono state esposte a partire dal secondo dopoguerra e che ne hanno orientato l’identità. La trama di questo libro è l’inventario di una vita di lavoro, preghiere, cartamodelli da ricopiare, figli da crescere, memorie da conservare, vissuta al ritmo del pedale di una Singer. La trama di questo libro è un modo di tenere insieme le contraddizioni del femminile nella cornice di un unico ritratto. Tessuti Toniù, FRomana Semerano 2016 Curated by Doll’s Eye Reflex Laboratory Book Project Irene Alison Art Direction Alessandra Pasquarelli Production Antonella Sava Communication Agnese Capalti

16107402_624297927694953_8386455770026736994_o
Cut&Paste: strumenti e idee per costruire il racconto per immagini.
 
Come si mettono insieme i tasselli di un racconto per immagini? Cos’è il sequencing e cos’è l’editing? Come cambia la selezione e la messa in sequenza delle fotografie a seconda del loro contesto di ricezione? E che differenza c’è tra fare un editing per un libro, per una gallery web, per una mostra o per un magazine?
 
Queste (ed altre) questioni saranno al centro del workshop Cut&Paste: attraverso un percorso teorico e uno di confronto pratico con i lavori degli allievi, si partirà dall’analisi dei progetti editoriali e espositivi di DER*LAB per esaminare il processo di lavoro che parte dopo lo scatto e conduce all’approdo finale del progetto.
 
Per info e prenotazioni: agnesecapalti@gmail.com